E Gattuso scuote il suo Napoli troppo smart... phone

Una testata di Bakayoko salva gli azzurri. Il tecnico: "Voglio i miei più sul pezzo e meno sui telefonini"

Per Gattuso sono tre punti più importanti che meritati, l'unico modo per ricacciare indietro la figuraccia con lo Spezia. Il Napoli li ha scippati a tempo quasi scaduto, l'allenatore può respirare: «Continuiamo a non annusare il pericolo, ci guardiamo allo specchio per apparire più belli di quelli che siamo. Invece io voglio vedere il veleno, sempre, i miei giocatori devono stare sempre sul pezzo anziché smanettare con i telefonini e prestare ascolto alle tante str... che si ascoltano in radio o si leggono sui siti».

La testa altrove è la causa che ha scatenato la crisi azzurra? Gattuso precisa: «Dobbiamo cambiare atteggiamento e mentalità, pensare e agire da squadra. Oggi ho visto facce diverse ma pretendo miglioramenti perché abbiamo obiettivi importanti da raggiungere». Risultato a parte, Gattuso non fa salti di gioia, non ne avrebbe le giustificazioni. Il Napoli di Udine ha rischiato di perdere e di pareggiare una partita che aveva indirizzato sui giusti binari nei venti minuti iniziali del primo tempo, piazzando le tende nella metà campo avversaria, imponendo il proprio palleggio e trovando il vantaggio con un sacrosanto rigore causato da Lozano e realizzato da Insigne. I fantasmi sono però riapparsi subito, sotto forma di infortunio di Manolas e di gaffe a ripetizione di Rrahmani, al debutto da titolare, autore dell'assist del pareggio per Lasagna.

Da questo momento e fino al novantesimo, con oltre un'ora da giocare, è iniziata la via crucis. Azzurri in preda al panico, ostinati nell'attaccare a testa bassa e nel concedere praterie ai friulani padroni di casa: Meret ci ha messo pezze provvidenziali per tre volte, sempre di piede, con la complicità di Lasagna e soci troppo frettolosi e imprecisi al tiro. Gattuso ha fatto una cosa buona (fuori Rrahmani all'intervallo) e una meno pregevole, insistendo nel tenere dentro un Fabian Ruiz semplicemente dannoso nella lettura della fase difensiva. Quando Elmas ha preso il posto dello spagnolo, s'è rivisto l'equilibrio, all'Udinese è mancata profondità ed è partito il decente forcing finale. La capocciata vincente di Bakayoko è uno squarcio in mezzo a tante incertezze, se c'era anche veleno in quel guizzo quasi disperato lo sapremo presto da Ringhio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.