Ennesimo flop della strategia Ferrari. Binotto si difende ma Leclerc...

"La macchina oggi non funzionava, non è una questione di strategia", Binotto difende la strategia del box ma Leclerc è sibillino: "Dovrò parlare col team per migliorare"

Ennesimo flop della strategia Ferrari. Binotto si difende ma Leclerc...

La Ferrari ha disputato un gran premio anonimo, forse il primo stagionale, in Ungheria con Carlos Sainz jr che ha chiuso in quarta posizione con Charles Leclerc sesto al traguardo. Max Verstappen ha addirittura vinto la gara nonostante partisse in decima posizione e di questa cosa il Cavallino deve fare mea culpa perché avrebbe potuto accorciare in classifica sulla Red Bull e sul campione del mondo in carica. La strategia scelta dal box Ferrari per Leclerc è finita ancora una volta sotto investigazione da parte della critica con il monegasco che ha effettuato la bellezza di tre soste, l'ultima delle quali gli ha fatto perdere la possibilità di andare a podio. Una scelta sbagliata delle gomme, hard invece che soft, ha portato la monoposto di Leclerc in sesta posizione.

Binotto si difende

Mattia Binotto, team principal della Ferrari, ha difeso la scelta del box, non ha parlato di errore tecnico ma di una monoposto non perfettametne funzionante. "Ci aspettavamo tutti un risultato diverso, il problema non è stata la strategia ma la macchina che non è andata", le sue parole ai microfoni di Sky Sport. "Sainz ha fatto la stessa strategia di Hamilton e lui ha chiuso secondo. Se oggi la macchina ci fosse stata non saremmo qui a parlare di strategia, oggi è mancato tutto".

Binotto ha poi parlato della mescola delle gomme prescelte per i piloti: "Oggi, nelle condizioni nelle quali si è corso, la macchina non ha funzionato, non avevamo il passo gara. La strategia la dovremo valutare, non dico che sia stata la migliore possibile, ma non è stata il problema. Non avevamo il passo, né di Red Bull, né di Mercedes", la conclusione del team principal della Rossa.

Leclerc lo "sbugiarda"

Leclerc, però, per l'ennesima volta si è presentato insoddisfatto davanti alle telecamere ed ha sbugiardato il team per la scelta effettuata: "Non sono contento. Il primo stint è andato bene, la vettura aveva un buon passo e con le medie la macchina andava davvero bene. Anche il secondo stint è stato molto buono ed avevo fiducia nell'auto. Ho anche chiesto di prolungare lo stint, ma alla fine abbiamo preso una decisione diversa ed abbiamo montato le hard", l'analisi del 24enne monegasco

Leclerc ha poi in maniera delicata e velata affondato il tackle nei confronti del box Ferrari: "In quella circostanza abbiamo perso tantissimo tempo. Dovrò parlare col team per migliorare. Non era impossibile evitare le hard, ma non voglio entrare nei dettagli con la stampa. Sicuramente ci saranno delle discussioni perché dobbiamo migliorare".

Binotto nervoso

Il team principal della Rossa ha avuto anche un piccolo alterco con Carlo Vanzini di Sky Sport: "Scusami Mattia, ma Leclerc all’inizio andava con gomma gialla e guadagnava su quelli dietro", la domanda del giornalista. Pronta la replica di Binotto: "Quando è rientrato sulle gialle la differenza di passo era quella della vita delle gomme, non di più. Charles è andato meglio di Carlos, ma non avevamo il respiro necessario".

Vanzini però lo incalza: "Però con la strategia giusta Leclerc arrivava secondo, di quello parlavamo". Pronta la replica stizzita di Binotto: "Mi fa piacere che ti focalizzi sulla strategia. Fammi finire, Carlo. Le gomme non hanno funzionato perché la macchina non ha funzionato. Rispetto il tuo punto di vista, ma oggi da team principal della Ferrari analizzo prima la prestazione della macchina e poi la strategia. Perché il problema penso sia stata la prestazione della macchina".

Tifosi inviperiti

Anche i tifosi della Ferrari se la sono presa con Binotto e la strategia del box con Lapo Elkann che sui social è stato investito dai messaggi degli utenti che lo invitavano a mandare via dal Cavallino tutti i colpevoli.

"Lapo per favore fai qualcosa", "Credo che a fine stagione occorre una riflessione sulla figura di Rueda, non solo su Binotto", "Licenziate tutto il muretto … c’è un'incompetenza mai vista", "Lapo caccia Binotto", sono solo alcuni dei tanti messaggi ricevuti da Lapo Elkann

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica