Facci: ''Maradona era un drogato, un ciccione, un ladro''. Caos a Tiki Taka

Scoppia la lite a Tiki Taka dopo le parole di Filippo Facci su Maradona

''Se i napoletani si offendono me ne frego, Maradona nella vita era un drogato, un ciccione, un ladro...'', le parole di Filippo Facci hanno fatto infuriare il giornalista Raffaele Auriemma e Gennaro Montuori, storico capo tifoso della Curva B del Napoli.

Caos nello studio di Tiki Taka. Il programma calcistico condotto da Piero Chiambretti ha ospitato una violenta lite tra il giornalista di Libero Filippo Facci e gli ospiti in collegamento Raffaele Auriemma e Gennaro Montuori detto ''Palummella'', ex capo ultras partenopeo. Oggetto del contendere è il ricordo di Diego Armando Maradona.

Tutto comincia dopo l'incipit di Giampiero Mughini, uno degli ospiti della trasmissione, che chiosa: ''Maradona è un protagonista letterario, un uomo nel complesso delle sue contraddizioni, così deve essere raccontato...''. In studio c’è anche Facci che, interpellato dal conduttore, interviene a gamba tesa: ''Io mi andavo a rivedere su Youtube le giocate di Maradona, splendido, meraviglioso… Tuttavia aveva come persona delle caratteristiche da mediocre imbecille. Aveva soprattutto da parte dei napoletani, un processo di identificazione che creava quel fanatismo, la deificazione che è quello che ti allontana, che ti fa venir la nausea e ti fa dire ‘si va be’, io di Maradona ricomincio a parlare tra uno o due anni’. Mi sono anche guardato un bellissimo documentario su Netflix che ricostruisce tutta la sua vita, non solo calcistica. Sono stato coperto di insulti perché i napoletani si offendono sempre…''.

Le dichiarazioni non piacciono per niente a ''Palummella'' che ribatte così: ''Lei non è in grado di parlare di Maradona, lei sa cosa ha fatto Maradona? Diego ha fatto sempre del bene...'' mentre Auriemma, anche lui in collegamento, sbotta: '' (Gli insulti ndr) Meritati guarda, sempre troppo pochi''. Ci siamo: inizia una bagarre con i due che cercano di sovrastare le parole di Facci, che pure non s’arrende: ''Sono gli arabi si offendono come i napoletani… Siete dei complessati. Abbiamo detto che Maradona è stato uno dei maggiori giocatori della storia, ha smesso di giocare ed è diventato un esempio cattivo, un drogato, un ciccione, uno morto prima del tempo e voi vi offendete e voi vi offendete perché non era un grandissimo giocatore, era Dio''.

Dopo la sfuriata, Auriemma riesce a entrare nella discussione ma solo per dire: ''Hai un’ossessione nei confronti di Napoli. Tu hai qualche problema vero, non guardare ai problemi di Maradona, guardati allo specchio. Necessiti urgentemente un Tso dopo quello che ho sentito stasera. L’ossessione di Facci va curata immediatamente''. Ed è di nuovo il caos. Facci si alza, Auriemma e Montuori urlano mentre Chiambretti prova a sedare gli animi. A quel punto meglio cambiare argomento o forse anche canale.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Seba56

Mer, 16/12/2020 - 13:01

... perchè quello che dice Facci non è vero?... Maradona dal punto di vista sportivo rimane e rimarrà il nr. UNO... ma dal punto di vista umano.. senza commenti ...è notorio quale era il suo modo di vivere..indifendibile..

sparviero51

Mer, 16/12/2020 - 14:32

COMUNQUE FACCI NON SI PUÒ PRESENTARE IN TV CONCIATO COME UNO ZECCOSO . FARSI LA BARBA E PETTINARSI DOVREBBE ESSERE IL MINIMO . FA CONCORRENZA ALL’ALTRO FENOMENO DI CRUCIANI . A ENTRAMBI GLI È MORTO IL BARBIERE !!!

steacanessa

Mer, 16/12/2020 - 14:50

Facci ha ragione. L’idolo dei napoletani è stato un grandissimo calciatore e un miserrimo uomo.