Genoa, Thiago Motta sarà esonerato: il suo sostituto sarà Nicola

Thiago Motta sarà esonerato da Enrico Preziosi che ha deciso di affidare la panchina a Davide Nicola, ex allenatore di Bari, Udinese e Crotone. Si attende solo l'ufficialità

Genoa, Thiago Motta sarà esonerato: il suo sostituto sarà Nicola

L'avventura al Genoa di Thiago Motta è già arrivata ai titoli di coda: l'ex giocatore dell'Inter, infatti, sarà esonerato nelle prossime ore da Enrico Preziosi che ha deciso di cambiare, ancora una volta, dopo aver mandato via Aurelio Andreazzoli che dopo solo otto giornate di campionato avev messo insieme 5 punti in otto giornate. L'italo-brasiliano non ha fatto meglio dato che nelle sue nove panchine ha ottenuto una vittoria all'esordio contro il Brescia per 3-1, tre pareggi e cinque sconfitte, l'ultima 4-0 in casa dell'Inter di Antonio Conte.

Il 37enne di Sao Bernardo ha dunque fatto un solo punto in più rispetto al suo predessore ma con una gara in più all'attivo. Il Genoa occupa l'ultimo posto in classifica con 11 punti con solo due vittorie, cinque preggi e dieci sconfitte e da gennaio servirà una scossa per evitare la retrocessione già sfiorata l'anno passato quando il Grifone si giocò fino all'ultima giornata la permenenza in Serie A contro la Fiorentina e che dovette ringraziare l'Inter che vincendo per 2-1 contro l'Empoli permise a viola e rossoblù di salvarsi entrambe con un pareggio per 0-0.

I nomi circolati in questi giorni sono stati molti da Diego Lopez al quarto ritorno di Davide Ballardini fino ad arrivare all'ex Crotone Davide Nicola che sembra essere il prescelto per la panchina del Genoa e la firma del contratto dovrebbe arrivare nei prossimi giorni. Enrico Preziosi aveva ricevuto no da parte dell'ex Aurelio Andreazzoli che ha preferito declinare il ritorno sulla panchina del Genoa a distanza di due mesi dal suo primo esonero. Stessa cosa fatta da Ballardini che ha sempre avuto un rapporto amore-"odio" con il patron rossoblù che l'aveva anche definito scarso nell'ultima esperienza sulla panchina dei liguri terminata con l'esonero nell'ottobre del 2018.

Il 46enne di Luserna San Giovanni nel corso della sua carriera ha allenato cinque squadre: Lumezzane, Livorno, Bari, Crotone e Udinese e questa con il Genoa sarebbe la sua sesta avventura, la quinta nella massima serie. Il solo cambio di allenatore però non può bastare dato che serviranno anche alcuni calciatori per tentare di riportare in alto una squadra che ha dimostrato di avere diverse lacune in tutti i reparti: difesa, centrocampo e attacco, soprattutto dopo l'infortunio di Christian Kouamé che non potrà più essere disponibile fino a fine stagione per la rottura del legamento crociato del ginocchio.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti