"CR7 mai decisivo su punizione". Juve fuori: ora scoppia il caos

La Juventus di Pirlo è stata eliminata dalla Champions League e sui social nessuno è stato risparmiato: "Questa scena è il simbolo della Juventus negli ultimi anni di Champions"

"CR7 mai decisivo su punizione". Juve fuori: ora scoppia il caos

La Juventus è uscita mestamente dalla Champions League e l'ha fatto agli ottavi di finale, per il secondo anno consecutivo, contro una squadra sulla carta più che abbordabile. Il Porto ha combattuto per oltre 120 minuti contro i bianconeri, per 75' in inferiorità numerica, ed è riuscito a fare lo scalpo ai nove volte campioni d'Italia consecutivi. Ajax, Lione, Porto: sono gli avversari con cui è stata eliminata la Juventus nelle ultime tre edizioni di Champions rispettivamente ai quarti e agli ottavi di finale.

La sconfitta della Juve

La Juventus ha incassato ben due gol su calcio piazzato con Sergio Oliveira che ha punito per ben due volte Szczesny: la prima volta su rigore guadagnato da Taremi per l'ingenuo fallo di Demiral, il secondo su punizione al minuto 115' grazie all'indecisione della barriera della Juventus che invece di restare compatta si è di fatto aperta disturbando la visuale del portiere polacco che non è riuscito a respingere la conclusione del centrocampista lusitano.

Sui social i tifosi della Vecchia Signora si sono scagliati contro i giocatori, contro la società e contro l'allenatore mentre i supporter delle altre squadre hanno utilizzato una pungente ironia per commentare l'ennesima delusione europea.

Social roventi

L'eliminazione cocente subita dalla Juventus, come detto, ha trovato una grande valvola di sfogo sui social con commenti di ogni genere:"Nessuno l’ha ancora detto e non è giusto: finalmente #Ronaldo è stato decisivo su una punizione", il riferimento al veleno nei confronti di CR7 che si è girato in barriera nell'occasione del 2-2 del Porto.

"Io sono troppo deluso ieri mi sarei aspettato un atteggiamento diverso e invece questa squadra deve sempre prendere un pugno per reagire e in champions league non te lo puoi permettere. Un annata difficile". E ancora: "Il problema della #juventus in questi ultimi anni in cui è arrivato CR7 è proprio CR7 e tutta la gestione di squadra, acquisti e gruppo dovuti a lui!". E poi: "Questa scena è il simbolo della Juventus negli ultimi anni di Champions: sfiilacciata, timida, disunita e paurosa. Complimenti al Porto, anche in 10 ha dimostrato di meritare il passaggio del turno". Questa l'amarezza dei tifosi della Juventus.

Ovviamente Cristiano Ronaldo è stato il più bersagliato dai tifosi della Juventus ma anche da quelli delle altre squadre che si sono divertiti a stuzzicare il fuoriclasse portoghese, assente ingiustificato contro il Porto: "CR7 mai decisivo su punizione". Alla fine ci ha smentiti. Battute a parte è doveroso ringraziarlo per aver condiviso gli ultimi anni della sua carriera con noi", "Ovviamente poi nessuno mette in dubbio che CR7 sia stato divino (io, per dire, ho sempre avuto una predilezione per lui rispetto a Messi). Semplicemente, col senno di poi, si è rivelata un’operazione sbagliata.

Caos societario

In tanti chiedono la testa dei dirigenti con Fabio Paratici primo a salire sul banco degli imputati. Non solo, perché il silenzio dei senatori a fine partita, Chiellini e Bonucci su tutti, ha fatto molto rumore. Davanti alle telecamere per spiegare la debacle della Juventus si sono presentati Federico Chiesa 23 anni, e il giovanissimo difensore Matthijs de Ligt 21 anni ma dei senatori nessuna traccia. Il solo Cuadrado si è presentato ai microfoni di Sky ma di altri calciatori bianconeri nemmeno l'ombra a testimoniare come il momento sia davvero difficile in casa Juventus.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?