L'Inter domina e batte 2-0 la Juventus. I nerazzurri spengono il "caso" Vidal

Le reti di Vidal e Barella hanno permesso all'Inter di battere la Juventus e di agganciare il Milan al primo posto. Prova di forza dei nerazzurri che lanciano un segnale forte al campionato. Bufera nel prepartita su Vidal

L'Inter domina e batte 2-0 la Juventus. I nerazzurri spengono il "caso" Vidal

Una grande Inter batte con merito la Juventus, 1582 giorni dopo l'ultima volta, in un derby d'Italia a senso unico in favore dei nerazzurri. A decidere il big match della 18esima giornata ci hanno pensato i due incursori della squadra di Antonio Conte: Arturo Vidal e Nicolò Barella, senza dubbi il migliore in campo. Nonostante la bufera prepartita che ha investito il cileno per il bacio allo stemma della Juventus l'Inter ha giocato una partita determinata, convinta, di qualità con Vidal grande protagonista e non solo con il gol che l'ha sbloccata.

L'Inter ha prodotto e macinato tantissime occasioni da rete e solo l'imprecisione di Lautaro Martinez, Vidal, Lukaku e Hakimi non hanno permesso ai nerazzurri di vincere con un risultato ben più rotondo. Il 2-0 di Barella ha di fatto messo in discesa la partita per la squadra di Conte che non ha mai sofferto se non all'87' per un tiro di Chiesa parato in maniera fenomenale da Handanovic. Altra partita anonima a San Siro, come contro il Milan, per Cristiano Ronaldo senza dubbio uno dei peggiori in campo tra le fila bianconere.

Con questo successo l'Inter aggancia a quota 40 punti i cugini del Milan di Stefano Pioli, freschi dell'acquisto di Mario Mandzukic, che domani serà giocheranno contro il Cagliari di Eusebio Di Francesco. I nerazzurri vincono dunque il secondo scontro diretto in questa stagione, dopo quello contro il Napoli, e danno un grande segnale alle rivali: per lo scudetto ci sono anche i nerazzurri di Conte.

La cronaca

Primo tempo equilibrato nei primi dieci minuti con Brozovic che ci prova al 7' trovando la parata semplice di Szczesny e con la Juventus che replica andando in gol con CR7 su assist di Chiesa: annullato per offside dell'ala bianconera. Pian piano l'Inter prende sempre più campo e trova il vantaggio con il criticato ex Arturo Vidal che decolla di testa su assist al bacio di Barella. Al 16' ancora Vidal calcia alto da ottima posizione mentre al 23' è Lautaro a mangiarsi il raddoppio: Lukaku chiama alla parata Szcezesny che respinge sui piedi dell'argentino che calcia alto.

Al 32' Lukaku se ne va via di forza e viene fermato all'ultimo momento da Frabotta: palla sui piedi di Lautaro che calcia male con il destro divorandosi il raddoppio. Minuto 38' Barella serve in area di rigore Lukaku che tutto solo di destro calcia male in bocca al portiere polacco della Juventus. Nella ripresa Bastoni lancia alla grande Barella che scatta in campo aperto, si presenta davanti a Szczesny e lo buca con un tiro di destro sotto la traversa. Al 64' l'Inter fugge ancora in contropiede con Barella che allarga per Vidal che serve Lukaku, scarico per Brozovic che va al tiro: palla fuori di poco. Lautaro Martinez se ne va via in campo aperto al 71' e ci prova con un tiro a giro che termina fuori alla sinistra di Szczesny. Minuto 87' prima verfa occasione per la Juventus con Chiesa che spara da ottima posizione: Handanovic risponde presente. Hakimi al 91' si divora il 3-0 e calcia alto invece di servire Lukaku libero in mezzo all'area di rigore.

Il tabellino

Inter: Handanovic, Skriniar, de Vrij, Bastoni, Hakimi, Barella, Brozovic, Vidal (76' Gagliardini), Young (72' Darmian), Lautaro Martinez (86' Sanchez), Lukaku

Juventus: Szczesny, Danilo, Bonucci, Chiellini, Frabotta (58' Bernardeschi), Chiesa, Rabiot (58' McKennie), Bentancur, Ramsey (58' Kulusevski), Morata, Cristiano Ronaldo

Reti: 13' Vidal (I), 51' Barella (I)

La classifica di Serie A

Milan e Inter 40, Napoli e Roma 34, Juventus 33, Atalanta 32, Lazio 31, Sassuolo 30, Verona 27, Sampdoria 23, Benevento 21, Bologna 20, Spezia e Fiorentina 18, Udinese 16, Genoa 15, Cagliari 14, Torino e Parma 13, Crotone 12.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?