Marcell Jacobs è nella storia

Il velocista azzurro continua a stupire. Va in finale con il nuovo record europeo e si migliora di 10''. Tortu eliminato

Marcell Jacobs è nella storia: record europeo e prima finale azzurra

Marcell Jacobs sempre di più nella storia: il velocista è il primo italiano di sempre a qualificarsi per una finale olimpica sui 100 metri segnando il nuovo record europeo con il tempo di 9"84.

Adesso non ci sono dubbi più, l'Italia ha trovato un nuovo splendido protagonista a Tokyo 2020. Dopo il record italiano di ieri, che gli ha consentito di accedere alla semifinale, Marcell Jacobs non si ferma e continua a fare la storia. Il velocista azzurro, nativo di El Paso e cresciuto a Desenzano sul Garda, ha chiuso al terzo posto la sua semifinale con un tempo sensazionale di 9"84. Per la prima volta l’Italia è nella finale dei 100 metri alle Olimpiadi. Si tratta del nuovo record europeo. Quello precedente con 9"86, apparteneva al portoghese Francis Obikwelu (2004) e al francese Jimmy Vicaut (2015 e 2016).

La gara

Il cinese Su Bingtian schizza fuori dai blocchi come un missile e prende un largo margine. Gli altri, Marcell compreso, devono rincorrere. L'atleta delle Fiamme Oro parte con qualche esitazione in più rispetto alle batterie di sabato, quando aveva già ritoccato il suo record italiano. Dai 50 metri ha inserito lo sprint rimontando fino alla terza posizione a un solo centesimo dal cinese Su e dall'americano Ron Baker nella semifinale più veloce delle tre (le altre sono state tutte chiuse con tempi sopra i 9"90). Ci vuole il fotofinish: Su Bingtian 9"83, record asiatico; Baker 9"83; Jacobs 9"84; il sudafricano Simbine 9"90, a sua volta ripescato. Questi i numeri della sua incredibile gara: tempo di reazione dai blocchi 0.179, media di velocità 38.8 e 42.7 di picco, il migliore della sua semifinale. A questo punto manca soltanto l'epilogo finale e dopo quanto si è visto la lotta per il podio è ancora più aperta di quanto si potesse immaginare all'inizio.

L'altro italiano in gara Filippo Tortu, invece non ce la fa. Il suo sogno di approdare alla finale dei 100 metri s'infrange sul più bello. L'azzurro chiude settimo in 10''16 e viene eliminato. "Penso di aver fatto una buona gara, ma peggio di ieri. E c'è chi ha corso più veloce di me". ha detto l'atleta lombardo. "Non sono soddisfatto ma sono orgoglioso del percorso che ho fatto. Dei sacrifici. Lavorerò per essere più competitivo tra tre anni".

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti