Max sistema il passato: "Fare meglio di Sarri e Pirlo"

Allegri manda già messaggi per gli ottavi: "Migliorare quanto accaduto nelle ultime 2 stagioni..."

Max sistema il passato: "Fare meglio di Sarri e Pirlo"

La neve, attesa su Torino fin dalla mattina, metterà di buon umore il Malmoe. Squadra che, grazie alla migliore differenza reti rispetto all'Aik, ha appena vinto per la 22esima volta il campionato svedese e che all'attuale Champions ha ben poco da chiedere: un solo punto conquistato, un gol fatto e tredici subiti. Facile immaginare che la squadra dell'ex milanista Tomasson, già battuta 3-0 all'andata, sia arrivata a Torino quasi in gita: occasione quindi ghiotta per la Juventus, sia per mettere in cassa i 2,8 milioni che spettano a ogni squadra che vince un match di Champions e sia per aumentare la propria autostima. In più, Allegri potrà dar vita a un discreto turnover così da far riposare qualcuno dei suoi giocatori più spremuti in vista della trasferta di Venezia: vigilia insomma tranquilla per l'ambiente bianconero, già certo del passaggio del turno e sulla carta ancora in corsa per il primo posto nel girone. Siccome però lo 0-4 subìto dal Chelsea ha permesso agli inglesi di ribaltare nettamente l'1-0 dello Stadium, bisognerebbe che questi ultimi inciampassero contro lo Zenit permettendo alla Juve di superarli in classifica: difficile, ecco. «Il primo posto? Ci vuole fortuna con la pallina: magari arrivi primo e poi trovi il Psg. Ci sono troppe combinazioni: l'importante è passare il turno, poi vedremo chi troveremo agli ottavi. A marzo sarà un'altra stagione e noi dobbiamo creare i presupposti per fare meglio di quanto accaduto nelle due ultime stagioni». Quando la Signora ha fallito l'accesso tra le migliori otto venendo eliminata da Lione e Porto, peggiorando ulteriormente lo stato dei propri conti e mettendo di cattivo umore Ronaldo, che infatti ha poi deciso di levare le tende.

«Giocheranno Perin, Rugani, Alex Sandro, Rabiot e anche Dybala, che deve mettere minuti nelle gambe ha spiegato ancora Allegri -. Dovremo approcciare bene la partita per divertirci, giocarla e vincere. In campionato siamo in ritardo, le quattro davanti viaggiano fortissimo: noi dobbiamo continuare a fare un passo dietro l'altro, poi vedremo. Vincere è importante, perché poi si lavora con maggiore serenità». Nella giornata del turnover si rivedrà in campo anche Arthur, brasiliano che tra un infortunio e l'altro in un anno e mezzo di Juventus è salito agli onori delle cronache praticamente soltanto per la valutazione mostruosa (80 milioni) che gli era stata data al tempo dello scambio con Pjanic: plusvalenza (toh) di qua e plusvalenza di là, poco altro. «Liverpool, Bayern Monaco, City, Psg e Real Madrid sono le favorite per la vittoria finale», la chiosa di Allegri. Un po' più sereno rispetto a due settimane fa, ma sempre consapevole di essere alla guida di un gruppo convalescente. Certo non guarito.

Commenti