Milan-Inter, attimi di tensione all'esterno del Meazza: curve a contatto

Migliaia di tifosi di Inter e Milan si sono ritrovati sotto lo stadio per incitare le squadre. Rossoneri e nerazzurri sono quasi venuti a contatto al passaggio del pullman del Diavolo con la polizia a sedare gli animi

Derby di Milano ad alta quota per le ambizioni di Inter e Milan ma anche ad alta tensione per via delle due tifoserie che si sono radunate all'esterno dello stadio a poche ore dall'inizio del match. Migliai di tifosi nerazzurri e rossoneri si sono ritrovati sotto il Meazza per incitare le rispettive squadre: i supporter dell'Inter al "Baretto", quelli del Milan sotto la Sud. Ci sono stati però alcuni attimi di tensione dato che le due tifoserie sono quasi venute a contatto dopo il passaggio del pullman rossonero di fronte al gate 14.

Centinaia di supporter rossoneri si sono diretti verso l'ingresso 3, dove c''è il parcheggio dello stadio nei pressi della curva nerazzurra. Le forze dell'ordine hanno evitato subito un potenziale contatto dividendo le due tifoserie e riportando un clima di serenità.

Derby scudetto

Migliaia di tifosi del Milan, circa 7000, si sono ritrovati sotto la curva dell'Inter esponendo l’enorme striscione posto all’esterno dello stadio lungo la salita del primo anello: "Sempre insieme a te sarò". Nonostante le normative anti-covid i tifosi si sono radunati creando diversi assembramenti e non rispettando il distanziamento. Anche tante famiglie presenti al raduno della Curva Sud con gli ultras che hanno cercato di liberare via Dessiè dai tifosi rispettando le indicazioni delle forze dell’ordine che controllavano a controllare a distanza.

Stesso discorso per quanto concerne i tifosi dell'Inter, che senza rispettare le norme anti-covid, si sono ritrovati nell'ordine di circa 5000 unità sotto la curva nord, al famoso "Baretto". I tifosi dell'Inter hanno poi esposto un bello striscione per ricordare la figura di Mauro Bellugi scomparso ieri all'età di 71 anni e per cui le due squadre osserveranno un minuto di silenzio prima del match. "Buon viaggio eroe nerazzurro", questo il ricordo per l'ex difensore di Inter, Bologna e Napoli.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 21/02/2021 - 15:08

Avevano tutti le mascherine?

Rcorvaglia230

Dom, 21/02/2021 - 16:37

Se poi i contagi aumentano, la Lombardia va in zona arancione/rossa e tutti siamo costretti a subire i blocchi e le limitazioni del caso, la colpa è dei virologi che sono menagrami.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 22/02/2021 - 15:26

tutto quello che succede in lombardia... la colpa è sempre degli altri!