Milan, il ritorno con Pioli nell'habitat naturale. Ma senza il totem Ibra

Zlatan salta il Liverpool a scopo precauzionale. Il tecnico carica: "Non siamo in vacanza..."

Milan, il ritorno con Pioli nell'habitat naturale. Ma senza il totem Ibra

Dove eravamo rimasti? La data è questa: 11 marzo 2014, sette anni e qualche mese fa. Se la ricordano bene quelli del Milan viaggiando verso Liverpool per prepararsi a questo ritorno nell'habitat naturale (citazione di Adriano Galliani) della Champions league. L'ultima apparizione, guarda caso, proprio al cospetto dell'Atletico Madrid, con Seedorf allenatore e il famoso episodio dell'uovo al tegamino. 4 a 1 il crollo finale con quel gol di Kakà sull'1 a 1 che aprì il cuore alla speranza di un favoloso recupero. Altra epoca, altra proprietà (Fininvest), altro staff tecnico e altra rosa soprattutto bisogna aggiungere. Stasera, per la prima volta nel mitico tempio di Anfield (i due precedenti 2005 e 2007 furono entrambi finalissime di Champions, a Istanbul e ad Atene con opposti verdetti), si presenta il Milan di Elliott e di Maldini, di Pioli, capolista dopo tre turni, non di Ibra che è rimasto a casa, frenato da una infiammazione al tendine d'Achille (sinistro) che viene considerato - a taccuini chiusi - più una precauzione che un impedimento preoccupante, conseguenza del gran lavoro effettuato in estate per recuperare dopo la pulizia del ginocchio e della frazione di tempo giocata con la Lazio. Klopp, da lontano, ha una conoscenza perfetta della salute dello svedese. «Come dice lui i leoni non riposano a lungo» la frase a effetto del tecnico Reeds.

Così anche la sequenza della conferenza stampa è stata modificata e al posto di Zlatan, dato in recupero per domenica prossima a Torino contro la Juve, è arrivato Kjaer, pure lui al rientro dopo il riposo strategico con la Lazio, sostituito da un Romagnoli in grande spolvero. Il danese, perno della difesa, è stato didascalico sul conto di questo ritorno nella coppa dalle grandi orecchie: «Non siamo in vacanza, siamo cresciuti rispetto all'anno scorso, e i nuovi arrivi hanno alzato il livello». Così la pensa anche Pioli lesto nel far sapere che al posto di Ibra ci sarà una staffetta tra Rebic e Giroud appena recuperato dopo la settimana di sosta dovuta al covid. Anche Tonali, convocato, è rimasto ai bordi di Milanello ieri mattina ma per via di una indigestione, a Liverpool sarà in panchina perché Bennacer è pronto per cominciare dall'inizio al fianco di Kessiè.

Il girone con Atletico, Liverpool e Porto è di quelli che possono stritolare il bambino che è nella culla perché - diciamo la verità - è un Milan dai primi vagiti, popolato da giovani talenti che dentro quel catino assordante, possono anche perdere la tramontana. Perciò ci sarà bisogno dell'esperienza dei guerrieri tipo Kjaer appunto, tipo Rebic e Giroud oltre che delle vitamine dei nuovi milanisti cresciuti in questo incipit di stagione scandito da tre successi su tre che hanno lucidato i vecchi ottoni del club, tornati finalmente a brillare nella coppa che ha vinto già sette volte. Anche Klopp, che è sempre molto rispettoso di Sacchi («lui è un maestro») proprio come Pioli, è convinto d'aver il gruppo più forte e spiega: «Sarà vita dura nel girone perciò non possiamo perdere tempo». Ecco perché stasera, ad Anfield, ci sarà vento di tramontana. Coprirsi bene, quelli del Milan.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti