Addio al grande Pablito Rossi Ci fece sognare a Spagna '82

Paolo Rossi è morto a 64 anni, stroncato da un male incurabile. Indimenticabili le prestazioni di Pablito al mondiale di Spagna del 1982 dove si laureò campione del mondo con l'Italia di Bearzot

Il mondo del calcio e l'Italia piangono la morte di Paolo Rossi, ex attaccante della Juventus morto all'età di 64 anni per un male incurabile. Pablito se ne va a pochi giorni di distanza dalla scomparsa di Diego Armando Maradona. Un pezzo di storia di questo meraviglioso sport dice addio, in silenzio e in maniera inaspettata. Lascia la moglie, Federica, e tre figli: Sofia Elena, Maria Vittoria e Alessandro.

Rossi fu il protagonista e l'artefice che portò l'Italia di Enzo Bearzot a vincere il mondiale del 1982 in Spagna, il terzo della storia della nostra nazionale. I tre gol rifilati al Brasile nell'indimenticabile 3-2, la doppietta in semifinale alla Polonia e infine il gol che aprì le marcature nel 3-1 rifilato alla Germania Ovest in finale, sotto lo sguardo di un Sandro Pertini, al tempo Presidente della Repubblica, in estasi per quell'impresa azzurra. Rossi fu capocannoniere di quel favoloso Mondiale e semper in quel magico 1982 vinse il Pallone d'Oro.

Il saluto della moglie

A dare il triste e tragico annuncio ci ha pensato la moglie Federica Cappelletti, scrittrice e giornalista, che ha voluto salutare il suo Pablito con una bella foto, postata su Instagram, di loro due al mare, in spiaggia vicini e sorridenti con due semplici ma eloquenti parole: "Per sempre"

La Cappelletti ha poi voluto salutare Pablito anche su Facebook con semplici ma significative parole: "Non ci sarà mai nessuno come te, unico, speciale, dopo te il niente assoluto..."

Il suo anno

Il 1982 fu un anno fortunato per il 26enne Rossi che divenne l'idolo di una nazione intera. Paolo esplose nel Vicenza e passò poi al Perugia prima di arrivare alla Juventus dove esplose in via definitiva. Grande centravanti d'area di rigore, viveva per il gol. Dopo l'esperienza in bianconero passò al Milan prima di chiudere la sua carriera tra le fila del Verona. Insieme a Roberto Baggio e Bobo Vieri detiene il record di gol azzurri ai Mondali con nove marcature.

Rossi è statoa stato anche il primo giocatore, poi eguagliato da Ronaldo, a vincere nelle stesso anno il Mondiale, il titolo di capocannoniere e il Pallone d’oro. Con la Juventus ha messo in bacheca due scudetti, una coppa delle coppe, una Supercoppa Uefa e una Coppa dei Campioni.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 10/12/2020 - 10:01

Un grande in confronto all'azzurrino sbiadito.

cgf

Gio, 10/12/2020 - 10:05

Senza nulla togliere alla bellezza di gioco che entrambi hanno saputo dare durante all'attività agonistica, paragonare l'uomo Diego Armando Maradona che se ne va a poca distanza dall'uomo Paolo Rossi, è un accostamento poco felice. Parafrasando un proverbio, Maradona l'albero che cade e Rossi la foresta che cresce. Provocando rumore abbiamo visto cosa ha fatto il primo e nel silenzio mantenendosi lontano dai riflettori il secondo dopo, che hanno smesso di giocare.

Ilsabbatico

Gio, 10/12/2020 - 10:10

Mi spiace , veramente tanto! Ha fatto sognare......R.I.P.

dagoleo

Gio, 10/12/2020 - 10:13

Grazie Pablito per quello che ci hai dato. Ti ricorderemo per sempre, mi hai fatto urlare di gioia in una estate fantastica in cui avevo 14 anni e mi sembrava impossibile che l'Italia potesse rivincere un Mondiale di cui avevo letto solo sui manuali di storia del calcio che guardavo con passione. Tu hai reso reale un mio sogno di bambino e te ne sarò grato per sempre. Ciao Pablito fai un buon viaggio e riposa in pace nella grazia.

jaguar

Gio, 10/12/2020 - 10:26

Ricordo molto bene l'anno del Mundial, la gioia di quei giorni in cui giocava l'Italia e i bellissimi gol di Rossi. Paolo mancherà a tutti noi che abbiamo vissuto quegli anni indimenticabili.

sullarivadelfiume

Gio, 10/12/2020 - 10:29

Rossi e Maradona, due divinità del calcio che ci hanno fatto sognare e che hanno vinto il mondiale 'da soli', per quello che può significare quest'espressione. E sono morti quasi nello stesso momento. Notati questi accostamenti, perché poi bisogni ritirare ancora fuori il discorso di com'era l'uno al confronto dell'altro, l'albero la foresta e via andare, vento e banalità in poppa, come se a Maradona o a Rossi o a chiunque gliene fregasse un fico secco di misurarsi sulla vita di un altro, o come se la frottola del calciatore 'modello pedagogico' fosse altro che una tiritera di necrologi di maniera...

Popi46

Gio, 10/12/2020 - 10:34

Perché,perché,perché di geni italici come Paolo Rossi (e non solo nel calcio...), in grado di farci sognare, oggi in Italia non c’è traccia? Che maledizione ci ha colpito?

ilbelga

Gio, 10/12/2020 - 10:36

caro Pablito, non potrò mai dimenticare il mondiale del 1982 vinto anche soprattutto con la tua bravura in area di rigore, mi ha fatto sentire un italiano che conta, non un italiotta come se ne vedono adesso. qualcuno dirà: " ma stiamo parlando di calcio", si è vero, ma a quel tempo ricordo nessuno avrebbe scommesso una lira su di noi e invece abbiamo vinto il mondiale grazie a te e alla grande squadra che avevamo e soprattutto all'intelligenza di Bearzot che ti volle in squadra nonostante i pareri contrari. Tu mi hai reso felice perché è anche con queste piccole soddisfazioni che una persona si sente bene. Stamane confesso che alla notizia della tua scomparsa mi è scesa una lacrima, ho pensato che non è giusto eri troppo giovane e potevi goderti la vita e la famiglia ancora per lunghi anni. Ti abbraccio. Un caloroso saluto ai famigliari e riposa in pace Campione.

baio57

Gio, 10/12/2020 - 10:42

@ sullarivadelfiume Concordo in toto.

mimmo1960

Gio, 10/12/2020 - 10:56

Chi è senza peccato scagli la prima pietra, mi riferisco alle comarelle, coloro che giudicano la vita privata. Maradona e Pablito, due grande persone.. R.I.P..

Ritratto di saggezza

saggezza

Gio, 10/12/2020 - 10:57

ilbelga 10,36 mi unisco al suo commento. Grazie Rossi. che bella Italia... Riposa nella Luce Eterna. E dal cielo con Falcone, Borsellino e tutti gli eroi morti per una Italia Libera, proteggeteci; ne abbiamo tanto bisogno.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 10/12/2020 - 10:58

Se n'è andato Paolo Rossi e con lui il ricordo di un'Italia bella, coraggiosa e amata. Ho un piccolo ricordo personale: il giorno della finale ero in America per un incontro con i vertici di una grande società e il lunedì successivo entrando nella sala riunioni vedo visi sorridenti e un grande cartello " benvenuti campioni del mondo". Erano anche questo Paolo Rossi e Bearzot e gli altri.

Franco5863

Gio, 10/12/2020 - 11:04

Se ne va un grande Campione ma soprattutto un Grande Uomo. Un vero fuoriclasse in campo e nella vita. Ci mancherai, non ti dimenticheremo. Condoglianze di cuore alla moglie e alle figlie. Franco (Padova)

Ritratto di marioilgiornale

marioilgiornale

Gio, 10/12/2020 - 11:19

Per Mimmo 1960: Scusami ma personaggi pubblici penso abbiano il dovere di rispettare certe minime e ovvie regoline di buon vivere, visto che è il "pubblico" che li paga e li ha resi tali. No! Pablito è un Vero Eroe! Un ragazzo, un uomo di altri tempi,(purtroppo). Ma io, personalmente continuo a sperare che certi tempi tornino e gli uomini e il loro mondo riprenda valori che comunque resteranno eterni e quindi in qualsiasi era ripristinabili. No! Maradona fu un giocatore di calcio fantastico ed unico, forse il migliore... ma l'uomo.... l'uomo non c'era e non rimarrà che qualche video di giocate uniche. MA per il nostro Paolo rimarranno i video ( forse non di giocate uniche ) ed in più rimane l'Uomo! L'uomo con la maiuscola. Quindi Maradona fu! Paolo Rossi è!

Ritratto di marioilgiornale

marioilgiornale

Gio, 10/12/2020 - 11:21

Mi piacerebbe vedere almeno lo stesso numero di articoli e commenti che abbiamo visto per Maradona. Almeno qui in Italia, da noi! Visto che anche grazie a lui fummo campioni del mondo.

steacanessa

Gio, 10/12/2020 - 11:28

Grande calciatore e brava persona.

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 10/12/2020 - 11:53

Oggi è un giorno triste.

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Gio, 10/12/2020 - 11:55

Grassie, grassie, ciai fato sognare

Ritratto di gianni-2

gianni-2

Gio, 10/12/2020 - 11:57

Condoglianze alla famiglia e che RIP

cgf

Gio, 10/12/2020 - 11:57

@sullarivadelfiume Gio, 10/12/2020 - 10:29 Perché nel frattempo si arriva al mare e quello che abbiamo visto passando era distratto. Non basta solo esserci un momento…

mimmo1960

Gio, 10/12/2020 - 12:03

Per marioilgiornale. Ricordiamolo sopratutto che Maradona faceva beneficenza, aveva un cuore sensibile ed era uno di noi. Il pubblico pagava per lo spettacolo, non per la sua vita privata.

kayak65

Gio, 10/12/2020 - 12:05

rossi e scirea...due miti immortali di quel favoloso mondiale cominciato male e finito in maniera inaspettabile per chiunque. battemmo brasile argentina e germania e questi due uomini furono la bandiera e i sogni di noi all'epoca adolescenti che ci vantavamo sulle spiagge tra tutti gli stranieri presenti orgogliosi di essere italiani. GRAZIE ancora. nessuno vi dimentichera'. MAI

mzee3

Gio, 10/12/2020 - 12:05

Potrà sembrare frase banale ma davvero è con dolore che mi esprimo!!! Un altro pezzetto dell'Italia migliore che se ne va.! Se il 2020 è un anno terribile da tutti i punti di vista, il prossimo non sarà diverso, anzi. Detto questo caro Paolo, ci hai fatto davvero sognare, a me restano gli entusiasmi che ci hai fatto fare e i sorriso.GRAZIE..

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Gio, 10/12/2020 - 12:15

Grazie Paolo per le emozioni che ci ha regalato, riposa in pace!

ruggerobarretti

Gio, 10/12/2020 - 13:01

Tutto ebbe inizio nel 1978, mondiale in Argentina. Bearzot, altro grandissimo, ebbe l'intuizione di rimescolare le carte: spazio a due sbarbatelli di nome Rossi e Cabrini. Da li prese il via il cammino che porto' alla conquista del Mondiale 4 anni dopo. Paolo era un grandissimo attaccante d'area; non un mostro, ma se gli lasciavi dieci centimetri ti castigava. L.R. Vicenza e Perugia ricordano le gesta di questo umile e modesto campione, rovinato poi una storia con molte piu' ombre che luci. Ti ricordo con affetto Paolo per tutte le emozioni che mi hai trasmesso, giungano alla famiglia le mie piu' sentite condoglianze.

Yossi0

Gio, 10/12/2020 - 13:47

RIP,hai fatto sognare molti

Cheyenne

Gio, 10/12/2020 - 14:19

Un grande Uomo, un grande Sportivo, Un grande Commentatore, Un vero Italiano. Sua la Vittoria nel 1982. Io allora ero un giovane uomo e ho un ricordo meraviglioso di quel periodo. Dopo aver battuto l'Argentina sono stato sicuro che avremmo vinto il Mondiale. Grazie Paolo allora ero fiero di essere italiano. R.I.P.

marzo94

Gio, 10/12/2020 - 14:19

Grandissimo Paolo, quella partita da infarto dell'82 col Brasile, tre suoi gol che rimasero nella storia dei mondiali. Partita che fu all'altezza di Italia Germania 4-3, e di cui si parla poco. Voglio segnalare una nota stonatissima, del solito TG1, che ha voluto inserire nel servizio la faccenda scommesse, di cui fu più vittima che protagonista.

Malacappa

Gio, 10/12/2020 - 14:20

Grande pablito ci hai fatto sognare un sogno poi diventato realta'i 3 gol al brasile sono stati meravigliosi perche'tutti i sapientoni ci davano per morti invece sei apparso tu R.I.P

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 10/12/2020 - 14:55

@kayak65 ore12:05 lei ha ricordato le 3 partite vinte dalla nostra nazionale nell'82 battendo le 3 squadre che in quel periodo erano le più forti al mondo. Da grande appassionato di calcio ancora le ricordo e ricordo nitidamente Pablito grande attaccante d'area... come lui solo il brasiliano Tostao e il tedesco Muller. Grazie Pablito per avermi dato una gioia indescrivibile.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 10/12/2020 - 15:14

Te ne sei andato troppo presto, grande campione indimenticato: il destinon non è stato troppo benevolo con te. Ora R.I.P. Sentite condoglianze alla famiglia.

baio57

Gio, 10/12/2020 - 15:31

@ marzo94 Tg1 ? Suvvia ...

i-taglianibravagente

Gio, 10/12/2020 - 15:48

...la morte di Maradona & Rossi mi hanno fatto realizzare, che stiamo diventando vecchi...pardon anziani.

amicomuffo

Gio, 10/12/2020 - 17:22

per un uomo del genere ho visto gli emigrati italiani in Svizzera piangere l'11 Luglio 1982

orione43

Gio, 10/12/2020 - 18:02

Addio Pablito. Grandissimo giocatore ma immenso uomo. Grazie per averci fatto sognare. RIP

maurizio.fiorelli

Gio, 10/12/2020 - 18:41

Per la persona che eri,sia professionalmente che umanamente, grazie di cuore,un bell'esempio per i giovani. R.I.P.

Ritratto di Cali85

Cali85

Gio, 10/12/2020 - 18:46

Non sono d'accordo con il titolo ! Non mi fece sognare! Per me fu un riscatto e Lui fu il vendicatore! Mai nulla mi procurò tanta goduria sportiva come quei 3 gol al Brasile. Allora: Nel '71 andai in Brasile e,la prima notte a Belo Horizonte, arrivai in albergo e Lasciati, i bagagli alla reception, entrai in ascensore dove c'era un Lift giovane che, appena sentito il mio parlare si girò verso di me e mi chiese: ITALIANO ? Alla mia risposta affermativa sfoderò 4 dita aperte nella mano destra ed 1 nella sinistra. Risultato della finale in Messico. La presi sul ridere ma quando Rossi gliene fece 3, 11 anni dopo, il mio primo pensiero è volato a quel ragazzino e L'Ombrello è partito in automatico! Grazie Pablito RIP