Moratti si decida torni a comandare o faccia il Pellegrini

di Filippo Grassia

P er Moratti l'Inter è come una droga, non può farne a meno. Subito dopo gli affetti famigliari, ci sono i colori nerazzurri per i quali ha avuto un amore viscerale al punto da spendere 1 miliardo e 100 milioni in 18 anni. Erano almeno 150 di più prima dell'uscita dalle quote azionarie. Alla faccia dei successori che hanno prestato soldi ad interessi superiori all'8%... Ma proprio per questo legame indissolubile con la Beneamata (in ogni senso), l'ex presidente dovrebbe capire che le sue considerazioni sull'Inter alimentano una grande confusione. Se è vero che Suning gli ha chiesto di tornare a capo del club, come da sue dichiarazioni del 30 settembre, dica di sì oppure taccia per sempre come ha fatto Pellegrini dopo avergli ceduto la società. O Boniperti dal giorno in cui lasciò definitivamente il timone della Juventus. In questi casi lo stile è sostanza. Altrimenti Moratti, oltre a ingenerare equivoci in serie, dà l'impressione di lavorare a un suo ritorno.

Che la situazione sia imbarazzante, l'ha sottolineato lui stesso in due momenti distinti: «E' un grande caos, non voglio entrarci», il 17 ottobre; «La situazione sarà anche un po' complicata, ma non sono certo io destinato a districarla», il 24 ottobre. In quella stessa circostanza s'era anche espresso su De Boer: «Posso parlare da tifoso e importa poco cosa farei io». E allora perché sponsorizzare Leonardo che ha ricambiato dicendo: «Dopo Moratti è stato tutto confuso»? Ci vuole chiarezza sul suo ruolo. Di sicuro l'esonero di De Boer, portato ad Appiano Gentile da Thohir e Joorabchian, ha indebolito la posizione dell'indonesiano che presto potrebbe farsi da parte lasciando quindi libera la casella del presidente.

A questo punto Suning, anche per rispondere alla giusta osservazione di Tronchetti Provera («Da lontano non si può guidare una squadra di calcio»), deve prendere una decisione esaustiva affidando a un manager di sicura competenza la gestione del club. Ci faccia sapere Zhang, fondatore e proprietario di Suning, cosa vuole fare: se andare avanti alla rinfusa, aggrapparsi alla passione di Moratti che diventerebbe ministro senza portafoglio o dare carta bianca ad altra persona. Ma senza indugi. Più del tecnico che verrà, è importante sistemare il puzzle dirigenziale che non riguarda solo Thohir. La "governance" d'una azienda così importante sul piano mediatico, oltremodo indebitata, ma anche destinata a riappropriarsi del suo dna internazionale, rappresenta il primo tassello della rinascita. E qui i sentimenti non contano. Se Mourinho avesse ottenuto di cambiare metà squadra, l'Inter non sarebbe scesa così in basso. Ma Moratti disse di no in segno di riconoscenza ai suoi campioni.

Autore

Commenti

Caricamento...