Padre Georg e l'incontro con Schumacher: "Sente l’amore delle persone intorno"

Alla stampa tedesca, Georg racconta l’incontro con Schumacher nell’estate del 2016: "La famiglia il nido di cui ha bisogno"

Georg Gänswein, arcivescovo e prefetto della Casa Pontificia e braccio destro di Papa Ratzinger, racconta in un’intervista a Bunte l'incontro con il pilota, da anni in coma dopo l'incidente A Maribel sugli sci a fine del 2013, avvenuto nell’estate 2016 e parlando dell'ex campiona rivela che il suo volto è "diventato un po' più pieno".

Il racconto dell'arcivescovo

Come riporta La Gazzetta dello Sport, Georg spiega: "Ero seduto di fronte a lui, gli tenevo entrambe le mani e lo guardavo. Il suo viso resta quella che tutti noi conosciamo, solo un po’ più pieno. Sente l’amore delle persone intorno, che si prendono cura di lui e grazie a Dio lo tengono lontano dall’eccessiva curiosità della gente. Una persona malata ha bisogno di discrezione e comprensione".

E ancora: "La famiglia è un nido protettivo di cui Michael ha assolutamente bisogno. Sentirli vicino è fondamentale. Sua moglie è l’anima della famiglia. In questo periodo natalizio, prego spesso per Michael Schumacher e la sua famiglia. Il Natale è la festa della nascita di Cristo, l’incarnazione dell’amore divino".

Commenti

Angelo664

Gio, 29/11/2018 - 14:21

Bah ...

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Gio, 29/11/2018 - 14:45

facciamolo dire a Schumi se dal dicembre 2013 sente tutto questo amore divino su di sè, perche' detto da Padre Georg e' troppo facile.