Sport

Panini lancia le figurine della Premier League

In contemporanea con il lancio nelle edicole della nuova raccolta calciatori italiana, la casa modenese ha immesso, nel mercato anglosassone, Panini’s Football 2020

Panini lancia le figurine della Premier League

L’annuncio era stato fatto, un anno fa, da Antonio Allegra, il direttore Mercato Italia. “La Panini realizzerà il prossimo album della Premier League”. Detto, fatto. Praticamente in contemporanea con il lancio nelle edicole della nuova raccolta calciatori italiana, la casa modenese ha immesso, nel mercato anglosassone, Panini’s Football 2020, l’atteso ritorno, in Premier League, del brand italiano. Non accadeva dalla stagione 1992-93, in pratica, agli albori della Premier League nata nel 1992. Un “come back” in grande stile, davanti alla sontuosa collezione del campionato inglese, messa in vendita da qualche settimana, per la fortuna dei clienti britannici. Chi, appassionato della Premier (e in Italia sono tanti), ha fatto le raccolte, made in Topps, negli anni precedenti, noterà subito un notevole incremento nelle figu da trovare (ben 636 e stiamo parlando solo delle squadre di Premier), con molte analogie con la raccolta italiana.

Le figurine, o meglio, gli stickers con riprodotti i calciatori delle venti squadre di Premier sono molto belle. Su ognuna trovate impressa, sul lato sinistro, il badge del club, il numero di maglia del giocatore, altezza e peso. Sotto l’immagine, invece, alcuni giocatori hanno la scritta HG che è l’abbreviazione di Homegrown Player, ovvero giocatore cresciuto nelle giovanili del club (almeno tre anni prima di averne compiuti 21) e in questo caso ci si rende conto di come vengano valorizzati i ragazzi del vivaio, rispetto a quello che succede in Italia. Sempre in basso, oltre a nome e cognome, sono indicati luogo e data di nascita e reparto di gioco. Sul lato destro, invece, gli anni giocati in Premier e i campioni vinti, il piede preferito, la nazionalità e se ha indossato la casacca della sua nazionale. Non solo: dietro ogni giocatore, c’è un aneddoto che lo riguarda, come per Antonio, del West Ham: “Se avete avuto problemi con il nuovo, Michail Antonio è l’uomo che fa per voi, dato che ha lavorato come bagnino, prima di diventare un giocatore della Premier”. Dopo la sezione di benvenuto, con gli adesivi del trofeo della Premier e del simbolo della Panini, si finisce in una specie di sommario dove trovare venti adesivi (con impressi tre giocatori), uno per ogni club, che rimandano al numero della pagina della squadra. Il Bournemouth è la prima squadra che incontrate. Nelle prime due pagine, dovrete trovare lo scudetto del club e la bellezza di ben 22 giocatori della rosa. Nelle due facciate successive, invece, attaccherete la formazione, la maglia casalinga, un’immagine del capitano, una denominata “Power Pair” che unisce due giocatori di reparto (come, ad esempio, Ruben Neves e Diogo Jot), lo stadio e un Key Player. Nelle stesse due pagine, troverete la foto (quindi, non da collezionare) del manager e degli altri componenti della rosa, varie statistiche della squadra (età e altezza media, giocatori in rosa, piede preferito come percentuale), le nazionalità presenti e in che misura, i punti totali ottenuti negli ultimi dieci anni e via dicendo. Esistono anche delle sezioni speciali: una dedicata alle leggende della Premier, come Owen; una parte dove attaccare i premi che vengono consegnati al miglior cannoniere, portiere e giocatore del campionato; una definita Elite, nel quale trovare la figurina del giocatore più rappresentativo di ogni club, con statistiche chiave e una breve bio; una ribattezzata Premier League by Numbers nella quale trovare figurine di giocatori legati a particolari prestazioni, come Jorginho del Chelsea per i suoi 3.118 passaggi effettuati nella campagna 2018/19. Il tutto per una collezione di 636 figurine, davvero ricca ed esauriente, che andrà ulteriormente a completarsi, da marzo, quando la Panini metterà in vendita, esattamente come in Italia, i colpi del calciomercato invernale (un set di 48 figurine), che farà salire il tutto a 684 adesivi attaccati. Per essere la prima volta dopo tanto, niente male davvero. Una nota dolente, però, va rimarcata e lo scriviamo con dispiacere.

Se andate, infatti, sul sito della Panini inglese e provate ad acquistare le bustine delle figurine vi compare, al momento del pagamento, una scritta che dice: “The product Football 2020 - Premier League sticker collection is deliverable only United Kingdom, Gibraltar and Ireland”. Che è quello che succede, ad esempio, se voleste comprare le figurine della raccolta del campionato francese (consentita solo in Francia e nel Principato di Monaco), sempre made in Panini. In pratica, se abitate in Italia, siete tagliati fuori da queste splendide collezioni. Sulla carta, ovviamente, perché sia via Amazon, sia via eBay, potrete rivolgervi a dei sellers che vi spediranno non solo scatole (ad esempio) da 100 bustine per dare un bell’inizio alla collezione, ma anche le eventuali figurine mancanti per completarla. Per dire, lo scorso anno, con Topps, questo problema non sussisteva e si potevano acquistare tranquillamente, sul loro sito ufficiale, sia le bustine, sia le figurine “missing”. Oltretutto, le figurine vengono spedite da Modena e, quindi, l’appello a Panini è quello di togliere, già da questa raccolta, il divieto di acquisto almeno per i collezionisti che risiedono nel nostro paese. Tenuto conto anche del gran numero di appassionati che, ogni settimana, grazie a Sky, seguono le partite della Premier e che farebbero carte false per poter collezionare le figu dei loro beniamini d’Oltremanica. Per il prossimo anno, e questo è un desiderio, sarebbe bello che, partendo proprio da questa corposa collezione, si potesse ulteriormente arricchirla inserendo anche le squadre che militano in Championship (l’equivalente della nostra Serie B). Sappiamo perfettamente che Premier e Championship sono due realtà differenti (la seconda è la massima realtà della Football League mentre la Premier è a sè), però Panini ci ha abituato ai miracoli e regalare ai collezionisti un album contenente squadre blasonate come Leeds, Nottingham Forrest, WBA, per citarne alcune, non potrebbe che rendere ancora più unico un prodotto già goloso per chi colleziona figurine. A proposito, per gli inglesi, il nostro “celo-manca” corrisponde al loro “Got, Need”. Cambiano i termini, ma non l’emozione e la magia di aprire un pacchetto della Panini.

Commenti