Sport

Pirlo, non è sempre Natale Llorente le controlla tutte

6 BUFFON

Caloroso, viste le maniche corte nonostante il gelo torinese: ma gelato dal gol di Mellberg.
6,5 CACERES

Praticamente libero di impostare e di spingere, visto che Toutouh si guarda bene dall'avanzare.
5,5 BONUCCI

Regista aggiunto, mette Pogba quasi davanti al portiere dopo cinque minuti. Per il resto, ordinaria amministrazione.
6 CHIELLINI

Fa il suo. E poco altro.
6 PADOIN

Classico soldatino che piace agli allenatori: dove lo metti sta, non ha colpi di genio ma non combina nemmeno disastri. Chiaro però che da un esterno alto che veste il bianconero ci si debba aspettare di più (25' st Marchisio 6).
8 VIDAL

In campo nonostante la diffida, segna la prima tripletta della sua carriera con la maglia della Juve: quattro rigori su quattro quest'anno, altro che Balotelli. E capocannoniere stagionale, con dieci gol all'attivo.
6 PIRLO

Non trova la magia su punizione, ma del resto mica è sempre Natale. In un paio di circostanze delizia chi lo guarda con giochi di prestigio.
7 POGBA

Il primo tiro è suo, ma non è di quelli che l'hanno reso già famoso e ricercato dall'Europa che ha i soldi in tasca. Suo il cross per Vidal in occasione del gol che chiude il match.
6,5 ASAMOAH

Molto cercato soprattutto all'inizio del match, si fa trovare pronto. E si conferma sveglio strada facendo.
6 TEVEZ

Sfrutta ogni varco che la presenza di Llorente gli apre, ma il gol in Europa rimane una chimera: il suo fatturato è comunque sempre utile alla causa.
6,5 LLORENTE

Si vede e si sente: nel senso che di testa o di petto le controlla quasi tutte lui e di piede riesce a smistare per i compagni.

È diventato giocatore di cui sarà difficile fare a meno: si procura il rigore, con quel fisicaccio che si ritrova.
6,5 All. CONTE

Basta la Juve a tre cilindri del primo tempo per passare in vantaggio. E basterà un pareggio a Istanbul per raggiungere gli ottavi di finale.

Commenti