Il ritorno della Vonn, affascinante e acciaccata. Tofane crudeli. E adesso il record s'allontana

Lindsey 15ª. È a 4 successi dal primato di Stenmark (86). Male così solo 14 anni fa

Solo una volta Lindsey Vonn era andata peggio di ieri sull'Olimpia delle Tofane di Cortina. Ma chi ha buona memoria ricorda che quel 16 gennaio di 14 anni fa l'americana, che si chiamava ancora Kildow, stava dominando la discesa prima di commettere un erroraccio che negli ultimi 40 secondi di gara la fece precipitare dalla prima alla diciottesima posizione. Ieri le cose sono andate in tutt'altro modo. Attesissima dai media, diva dello sci ancora più della numero uno Mikaela Shiffrin che per costruire il suo personaggio pensa soprattutto a vincere (alla stessa età Lindsey era a quota 13, 40 meno di lei!), la Vonn ieri si è presentata al via con le due ginocchia avvolte da tutori e felice che la neve caduta nella notte avesse costretto gli organizzatori ad accorciare la pista, eliminando il salto che in prova le aveva creato dolori alle articolazioni. Era il suo debutto stagionale e alla vigilia si era detta fiduciosa: il cronometro, ma soprattutto il video, sono stati impietosi. Al di là del piazzamento, 15° posto a 119 dall'austriaca Ramona Siebenhofer che ha festeggiato la sua prima vittoria in Coppa del Mondo battendo la slovena Stuhec e la compagna di squadra Venier (Marsaglia migliore azzurra al 6° posto), ieri la Vonn è sembrata davvero in difficoltà nelle curve (43° parziale in quel tratto), affrontate dando l'impressione di avere un precario appoggio sugli sci. Vero che lei ha sempre sciato con inclinazioni inquietanti, vero anche che gli anni passano e la paura di cadere, dopo le tante botte prese, sicuramente non aiuta. Nei tratti più facili di pura scorrevolezza se l'è cavata, ma ormai per finire davanti bisogna andare forte da cima a fondo.

Lindsey lo sa, sa anche che se scierà così sarà dura raggiungere l'ultimo obiettivo della sua gloriosa carriera, il record delle 86 vittorie in Coppa del mondo di Ingemar Stenmark. Lindsey è a 82 e già oggi ci riproverà, convinta di poter fare meglio. Ci riproverà anche Nicol Delago, ieri uscita a 30 dalla fine mentre viaggiava con il miglior tempo. Anche Dominik Paris sarà oggi fra i favoriti nella discesa di Wengen, dove Marco Schwarz ha vinto la combinata. Sofia Goggia ha intanto deciso che tornerà ad indossare un pettorale settimana prossima a Garmisch: farà le prove, la gara chissà.

OGGI Discesa donne ore 10.30, discesa uomini ore 12.30. TV Raisport HD ed Eurosport