La Serie A ora rischia un miliardo di euro di danni

La ripresa degli allenamenti per tutte le squadre di Serie A sarà fissata per dopo il 3 aprile. Il massimo campionato rischia perdite da 200 milioni di euro fino a sfiorare il miliardo di euro se non si dovesse ultimare

Oggi la Serie A prenderà la decisione definitiva su quando riprendere gli allenamenti. 19 club su 20 sono orientati nel riprendere dopo il 3 aprile, presumibilmente da lunedì 6, mentre solo la Lazio di Claudio Lotito vorrebbe già riprendere i lavori Formello fra tre giorni, lunedì 23 marzo. Nei giorni scorsi ci sono stati degli attriti tra il numero uno biancoceleste e il presidente della Juventus Andrea Agnelli con Lotito che si è anche scontrato con l'amministratore delegato dell'Inter Beppe Marotta e sempre per lo stesso motivo: la ripresa anticipata degli allenamenti.

I medici sportivi hanno dato indicazioni contrarie alla ripresa immediata degli allenamenti vista la situazione che si sta vivendo per l'emergenza coronavirus con i numeri che dovrebbero andare a decrescere nelle prossime settimane. Quasi certamente, dunque, la Lazio si dovrà allineare a quanto si deciderà nella riunione di oggi con buona pace del presidente Lotito che dovrà attendere prima di vedere i suoi ragazzi tornare ad allenarsi sui campi di Formello. La Lazio ha la grande chance di poter vincere lo scudetto 20 anni dopo l'ultima volta e per farlo dovrà cercare di tenere allenati il più possibile tutti i calciatori della rosa.

L'emergenza coronavirus sta mettendo in ginocchio l'economia mondiale e dunque anche il mondo del calcio sta annaspando in questo momento. I club infatti stanno anche decidendo come affrontare le ingenti perdite che in caso di conclusione tardiva del campionato potrebbero ammontare sui 200 milioni di euro arrivando quasi al miliardo di euro se addirittura il campionato non si dovesse essere concluso.

L'idea di Galliani

L'amministratore delegato del Monza ed ex grande dirigente del Milan Galliani ai microfoni della Corriere dello Sport si è detto contrario all'eventualità di disputare i playoff: "Sono per il rispetto del regolamento. Siamo partiti in un modo e in quel modo dobbiamo finire. Se non si dovessero completare tutte e 38 le giornate sarebbe giusto cristallizzare la classifica al momento dell’ultimo turno disputato, come in altri sport, la F.1, la moto. Mi auguro che non ci sia bisogno di questo e che tutto si risolva nel migliore dei modi".

Adriano Galliani ha poi toccato il tema taglio stipendi ai calciatori trovando la ricetta giusta: "Ci si affidi alla migliore società di revisione del mondo, autonoma e indipendente, e le si chieda nei tempi corretti di fare la conta dei danni. Sulla base delle sue conclusioni si potrà stabilire il taglio dei compensi, magari prevedendo dei premi sulle stagioni successive. Serve un arbitrato. Il calcio perderà alla fine il 5, il 10, il 15? E il taglio dovrà essere del 5, del 10 o del 15. Il resto sono soltanto chiacchiere, demagogia, improvvisazione, non potendo ancora sapere se la stagione finirà".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Ven, 20/03/2020 - 11:09

sarebbe un sogno meraviglioso !!

dagoleo

Ven, 20/03/2020 - 11:13

ce ne frega nulla.

Ritratto di rossoconero

rossoconero

Ven, 20/03/2020 - 11:18

Ce ne faremo una ragione

jaguar

Ven, 20/03/2020 - 11:20

Fate richiesta di cassa integrazione, vi accontenteranno.

maurizio-macold

Ven, 20/03/2020 - 11:26

Chi se ne frega.

savonarola.it

Ven, 20/03/2020 - 11:28

Finalmente una buona notizia

bernardo47

Ven, 20/03/2020 - 11:30

Ah beh!

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 20/03/2020 - 11:48

E chi se ne frega? C'è gente che sta morendo e voi pensate alla serie A e all'irresponsabilità di chi ha fatto giocare partite fino all'ultimo, con decine di migliaia di persone assembrate sugli spalti?

amicomuffo

Ven, 20/03/2020 - 11:49

come quel varietà del Sabato sera in Rai:" Bambole, non c'è una lira!"Le priorità adesso sono altre.....

Steven62

Ven, 20/03/2020 - 11:51

Credo che il gioco del calcio in questo momento sia l'ultimo dei problemi , per lo meno per le persone con la testa sul collo.

gjallahorn

Ven, 20/03/2020 - 11:52

Galliani ha ragione a ridurre gli ingaggi, ma il calcio non è il problema in questo momento.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Ven, 20/03/2020 - 12:14

L'intera Italia è vicina a una catastrofe economica e dpovrebbe interessarci se dei plurimiliardari ci rimettono qualcosa?

rodolfoc

Ven, 20/03/2020 - 12:25

100% di commenti del tipo "ecchissenefrega!!!" fino a questo momento, a cui aggiungo volentieri il mio: e chi se ne frega!!!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 20/03/2020 - 12:27

Sarebbe fantastico se il calcio sparisse. Ma al regime i milioni di gonzi con lo sguardo vitreo fisso sul televisore fanno comodo.

mareblu30

Ven, 20/03/2020 - 12:28

PER I 6 MILIONI DI POVERI, COSTRETTI A VIVERE CON PENSIONI SOTTO I MILLE EURO AL MESE LA SERIE .A. !!!!!!PUO' ANCHE CHUDERE. SICURAMENTE NON SARA' RIMPIANTA SPECIALMENTE SE TANTI SOLDI NEPPURE IMMAGINABILI SARANNO A LORO DESTINATI!!!!!!.