La storica figuraccia del Barcellona. Questa partita entra nella storia

Pesante umiliazione subita dal Barcellona in Champions League per mano del Bayern Monaco che vola così in semifinale di Champions League. Fine di un'era per Messi&Co

Storica figuraccia del Barcellona che ne prende otto dal Bayern Monaco di Flick e se ne torna a casa con le ossa rotte e con tanto di umiliazione. I bavaresi hanno dominato in lungo e in largo e sconfitto Messi&Co con le doppiette di Thomas Mueller e del grande ex dal dente avvelenato Philippe Coutinho unite alle reti dell'ex Inter Ivan Perisic, di Joshua Kimmich, Serge Gnabry e del sempreverde Robert Lewandowski. Di contro tra le fila del Barcellona i gol portano la firma di Luis Suarez e dell'autorete di David Alaba per il momenteneo 1-1.

Non pervenuto Lionel Messi che non è mai riuscito ad incidere in tutti e novanta i minuti di gioco e che segna per la prima volta una crisi profonda con il club che l'ha reso grande e conosciuto al grande pubblico. Il suo contratto in scadenza il 30 giugno del 2021 e le voci sull'addio al Barcellona potrebbero realmente concretizzarsi con i tifosi dell'Inter che sperano nel colpaccio magari a parametro zero e quando la Pulce avrà 34 anni. Ora il Bayern Monaco attende la vincente del match di domani sera tra il Lione di Garcia e il City di Guardiola, mentre dall'altro lato ci sarà la semifinale tra il Lipsia e il Psg di Tuchel che ha fatto fuori l'Atalanta di Gasperini. I bavaresi si candidano seriamente per vincere il titolo a distanza di sette anni dall'ultima volta.

Fine di un'era

Il Barcellona esce con le ossa rotte da questa final eight e dopo aver superato agevolmente il Napoli ha incontrato uno scoglio insormontabile chiamato Bayern Monaco che ha fatto il bello e il cattivo tempo per tutti e 90 i minuti di gioco. Per i catalani si tratta inevitabilmente di una delle più grandi umiliazioni subite nella sua storia e ora si parla di rifondazione in casa blaugrana con diversi elementi che lasceranno sicuramente la Spagna per sopraggiunti limiti d'età o per la fine di un ciclo vincente e glorioso ma venuto meno in Europa da cinque anni. L'ultimo successo dei catalani in Champions League, infatti, risale al 2015 quando il Barcellona di Luis Enrique si impose per 3-1 nella finale di Berlino contro la Juventus di Massimiliano Allegri.

Il duro sfogo di Piqué

Al termine del match il difensore 33enne Gerard Piqué, colonna storica del Barcellona ha commentato amarmente la sonora e umiliante sconfitta subita: "Una partita orribile, una sensazione brutta, è davvero una vergogna, non ho parole. Non si può giocare così in Europa, è una cosa che non riesco a spiegare. Spero che succeda qualcosa, dobbiamo riflettere tutti. Il club ha bisogno di cambiare, non parlo di allenatori o giocatori ma questo club ha bisogno di cambiare a livello strutturale. Nessuno è imprescindibile, se devo andarmene io me ne vado. Abbiamo bisogno di forze nuove, fresche, sarò il primo ad andarmene se serve. Dobbiamo riflettere e capire quello che è meglio per il Barcellona".

Il tabellino

Barcellona: Ter Stegen; Semedo, Piqué, Lenglet, Jordi Alba; Sergi Roberto, Busquets, De Jong; Vida, Messi, Suarez. ALL.: Setién.

Bayern Monaco: Neuer; Kimmich, Boateng, Alaba, Davies; Goretzka, Thiago Alcantara; Gnabry, Muller, Perisic; Lewandowski ALL.: Flick.

Reti: Muller (4′, BM); Alaba (aut. 7′, B); Perisic (21′, BM); Gnabry (28′, BM); Muller (31′, BM); Suarez (57, B); Kimmich (63′, BM); Lewandowski (82′, BM); Coutinho (85′, BM); Coutinho (90′, BM).

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.