"Ultima partita della carriera?". Ibrahimovic al bivio: ecco come stanno le cose

L'attaccante rossonero ha parlato del suo futuro dopo la conquista dello scudetto: "Il ritiro? Dipende da come sto, nei prossimi giorni avrò delle risposte..."

"Ultima partita della carriera?". Ibrahimovic al bivio: ecco come stanno le cose

Calato il sipario sulla lotta scudetto cosa deciderà adesso Zlatan Ibrahimovic? Continuerà un altro anno al Milan o altrove oppure appenderà gli scarpini al chiodo?

Era il dicembre del 2019 e Stefano Pioli da due mesi aveva preso il posto in panchina di Giampaolo. A Natale l'allora dirigente rossonero Zvonimir Boban ottenne il sì di Zlatan che, a furia di gol decisivi e strigliate ai giovani compagni, ha agevolato la crescita del gruppo, trasferendogli la sua mentalità vincente. "Non mollo fin quando non vinco con questa squadra" promise a febbraio, con il suo sguardo serio e il tono di voce grave. Ora a distanza di undici anni ha riconsegnato lo scudetto al Milan e si può dire "missione compiuta".

Ebbene quale decisione prenderà ora? "Spero che non sia la sua last dance" ha dichiarato Pioli sabato. A festeggiamenti in corso oggi il campione svedese ha rivelato:"Se questa è stata la mia ultima partita? Dipende da come sto, nei prossimi giorni avrò delle risposte. Se riuscirò a star bene non lo sarà. Operazione? Vediamo cosa succede". Il grosso dilemma riguarda soprattutto i problemi fisici che hanno condizionato fin troppo la stagione del fuoriclasse rossonero. Perchè se nello spogliatoio il suo ruolo di leader è riconosciuto da tutti, sul campo il contributo è stato davvero esiguo con 23 presenze in campo in campionato ma solo 1108 i minuti giocati e 8 reti segnate.

Il suo grande nemico è il ginocchio sinistro, operato al crociato nel 2017 quando giocava nel Manchester United e di nuovo lo scorso anno per un intervento di pulizia. Il sovraccarico di lavoro provoca gonfiore e dolori, la causa dei continui stop in allenamento. Lui assicura: "Devo potermi divertire giocando perché se si soffre troppo allora non ha più senso confessando: Provo a posticipare la linea di porta, ma sono vicino".

Stavolta a caldeggiare la sua decisione non ci sarà Mino Raiola, il procuratore amico con cui ha condiviso una carriera di successi. "Lo dedico a Mino Raiola, è il primo trofeo che vinco senza di lui - ha detto dopo la vittoria sul Sassuolo a Dazn -. Lui mi ha spinto a venire qui e salvare il Milan due anni fa". Prima di decidere il suo futuro c'è ancora tutta la gioia da assaporare per lo scudetto appena conquistato, ovviamente targato Zlatan Ibrahimovic.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti