Sport

Vettel, l'ultimo Gp in Rosso e... in rosso

Seb non passa il Q2. In pole Verstappen beffa le Mercedes e Lewis al rientro

Vettel, l'ultimo Gp in Rosso e... in rosso

Ancora trecento cinque chilometri, poi sarà tutto finito. Sebastian Vettel saluterà la Ferrari partendo dalla settima fila. Il Gran premio di Abu Dhabi, atto conclusivo di un mondiale comunque bello, sarà il suo 118° e ultimo in Rosso. Un finale triste ma non solitario, come tristissimo è invece il filotto delle tredici mancate qualificazioni al Q3 di fila. La sua avventura a Maranello non è andata come sognava quando è arrivato per sostituire Fernando Alonso. Ha lasciato il segno con 14 vittorie, terzo di sempre nella storia della Scuderia dopo Schumacher e Lauda, ma da quando se ne è andato Marchionne non è più stato lui e il Mondiale non è arrivato. «Ho fallito e non c'entra la pressione», ha ammesso con onestà. Un epilogo triste, immeritato perché Seb ha amato e ama la Ferrari, basta vedere il casco celebrativo che indossa con tutti quei grazie ai ragazzi, alla Ferrari, all'Italia, a Maranello, ai tifosi. È bello anche il casco di Charles con dedica proprio a Seb «Danke Seb». Se andavano così d'accordo c'è da chiedersi perché la coppia sia stata fatta saltare con tanto anticipo Misteri ferraristi Saluti a parte oggi Charles partirà 12° (3 posizioni di penalità) e Seb 13°. C'è poco da sognare.

I sogni sono tutti di Max Verstappen che ha strappato la pole al duo Bottas-Hamilton. È la prima pole negata a un motore Mercedes, la terza per l'olandese che è stato spettacolare nell'ultimo settore. Ha battuto Bottas di 25 millesimi e Hamilton di 86. Lewis ha commesso un errore, forse non era in forma dopo il Covid, ma è dovuto rientrare in fretta e furia per scacciare il fantasma Russell (tornato in fondo allo schieramento con la Williams). Max inseguiva una pole da luglio. Quando in Turchia si era lasciato sorprendere da Stroll si era seduto in fondo al box a riflettere quasi disperato. Si è rifatto all'ultimo settore dell'ultimo giro lanciato dell'anno quando ha scavalcato i suoi rivali. Ce l'ha fatta senza colorare di fucsia nessuno dei tre settori della pista. Un giro praticamente perfetto al contrario di quello di Hamilton. Provera a chiudere davanti anche la gara. Cerca uno squillo finale, il regalo immeritato per la Honda che ha annunciato la fuga.

COSÌ AL VIA 1. Verstappen (Ola) Red Bull 1'35.246; 2. Bottas (Fin) Mercedes 1'35.271; 3. Hamilton (Gbr) Mercedes 1'35.332; 4. Norris (Gbr) McLaren 1'35.497; 5. Albon (Tha) Red Bull; 6. Sainz (Spa) McLaren; 11. Ricciardo (Aus) Renault; 12. Leclerc (Mon) Ferrari 1'36.065 (- 3 posti); 13. Vettel (Ger) Ferrari 1'36.631. Tv: dir. Sky e TV8 alle 14

Commenti