Squadra di ciclismo sponsorizzata con le bare

Una ditta di pompe funebri si lancia nel mondo delle gare: una squadra veneta porta l'immagine del "prodotto" sulle maglie. Il patron: "In corsa vengono a toccarci, porta bene"

Non era mai capitato prima che un'agenzia di onoranze funebri facesse comparire sulle maglie di una squadra di cicloamatori il logo più esplicito: una bara di legno. La notizia è riportata dal Messaggero Veneto di Udine. La trovata è della City Green srl di Cordenons (Pordenone), azienda che fornisce servizi di giardinaggio e manutenzione del verde pubblico e che, dal 1996, è attiva nel campo delle pompe funebri. E, com'era facile prevedere, la pubblicità ha avuto un effetto immediato, come spiega Mauro Vagaggini di City Green, presidente dell'Atap e cicloamatore pure lui. «L'obiettivo si può dire più che centrato. La nostra infatti è l'unica maglia che viene ricordata. Per noi si tratta di un'attività commerciale a tutti gli effetti e posso dire che avere inserito il nostro logo in un contesto sportivo su una maglia colorata ha dato un grande riscontro. Per la natura della nostra attività professionale di onoranze funebri e vendita di bare è fuori luogo affittare maxicartelli pubblicitari o acquistare spazi sui giornali». La City Green, del resto, non è nuova quanto a trovate pubblicitarie originali. Qualche anno fa lanciò per prima le casse da morto per cani, tuttora in esposizione e in vendita. «Non c'è gara in cui qualcuno non si avvicini a toccare, in corsa, il nostro logo - racconta Vagaggini-. La vista di una bara può fare piacere o meno, ma da quando abbiamo varato questa forma di pubblicità non si è verificato alcun episodio disdicevole».

Commenti