Jacob, il rinoceronte nero morto di fame nello zoo francese

Un rinoceronte nero è morto all'interno di uno zoo francese a causa di un grave stato di malnutrizione. L'ira della ong animalista: "Era prigioniero"

Jacob, il rinoceronte nero morto di fame nello zoo francese

È morto di fame, sete e stanchezza. Una lenta e sfiancante agonia quella che ha ucciso Jacob, il rinoceronte nero in custodia nello zoo di Pont-Scroff, piccola cittadina della Bretagna, per circa 12 giorni.

"Indebolimento, perdita di peso, affaticamento muscolare legata ad una malnutrizione molto significativa". Fuga ogni dubbio l'esito dell'autopsia sul decesso dell'animale, ritrovato senza vita all'interno del parco zoologico francese la mattina del 31 dicembre. A chiedere di fare luce sulla morte sospetta del rinoceronte è stata la ong Rewild che, da anni, accoglie all'interno della struttura di Pont-Scroff esemplari rari di leoni, elefanti, giraffe, panda rossi e lupi a rischio d'estinzione. "È morto perché era prigioniero" denuncia ora l'associazione in un lungo post pubblicato su Facebook.

"I veterinari hanno notato la presenza di gravi lesioni orali (tartaro, gengivite e punte dentali affilate che hanno perforato le guance) che hanno impedito a Jacob di mangiare correttamente. - si legge nel post di Rewild in cui si evidenziano i risultati degli esami autoptici eseguiti sulla salma del sul rinoceronte - L'animale soffriva di cachessia avanzata (indebolimento profondo dell'organismo, perdita di peso, affaticamento, atrofia muscolare, ndr), collegata a una malnutrizione molto significativa, con totale assenza di riserva di grasso ".

Jacob aveva solo 28 anni ma la patologia da cui era affetto, secondo quanto rivela l'autopsia, lo avrebbe costretto ad un invecchiamento precoce fino alla morte prematura. "Jacob non era vecchio - precisa l'organizzazione - aveva 28 anni. In natura, i rinoceronti possono vivere fino a 50 anni. Ma ha vissuto tutta la sua vita in un clima inadatto ai suoi bisogni. I rinoceronti percorrono fino a 25 km al giorno e possono raggiungere i 50 km /h Invece quest'animale che dovrebbe vivere nel clima caldo dell'Africa, ha subito il freddo, il confinamento, infezioni, stress e dolore. Solo la morte lo ha liberato da una vita che è stata solo l'ombra di ciò che avrebbe dovuto essere".

Ma la storia di Jacob non è un caso unico. Numerosi, altri animali sono morti all'interno dello zoo francese in condizioni di cattività e a causa dell'incuria. Secondo l'organizzazione Rewild un altro rinoceronte nero era morto nel parco di Pont-Scorff, il 27 novembre del 2012, per patologie indotte da un grave stato di malnutrizione.

Commenti

Grazie per il tuo commento