La strage sulle strade: oltre 30mila animali coinvolti in incidenti

Tanti sono rimasti travolti dalle auto nel 2009. Sono soprattutto cinghiali, cervi e caprioli. L'Aidaa: l'82 per cento muore per le ferite riportate

Sono almeno trentamila gli animali selvatici di medie e grosse dimensioni coinvolti in incidenti stradali ogni anno. Si tratta soprattutto di cervi, caprioli e cinghiali. E nell'82 per cento dei casi gli animali perdono la vita. Sono i dati raccolti dal servizio statistico di Aidaa, l'associazione italiana a tutela degli animali e dell'ambiente, tratti dalle segnalazioni dirette ricevute dagli sportelli dell'associazione, dalle richieste di consulenze legali del tribunale degli animali di Aidaa e dalla comparazione dei dati con quelli di alcune compagnie di assicurazioni italiane.
Dei circa trentamila incidenti stradali che coinvolgono animali selvatici avvenuti nel 2009, almeno il 60% sono avvenuti nelle ore serali o notturne in strade di montagna. Le regioni che detengono il record degli incidenti stradali con il coinvolgimento di animali selvatici sono la Lombardia, il Trentino, il Piemonte, seguite da Lazio, Umbria, Veneto Emilia Romagna e Toscana. Gli animali che maggiormente sono rimasti coinvolti sono ungulati di grandi dimensioni come cervi e caprioli, i cinghiali ma anche specie di animali protetti che vivono in montagna come le volpi. In pianura, invece, il maggior numero di incidenti ha avuto come protagonisti le faine.
Secondo i dati elaborati dall'Aidaa, almeno nell'82% dei casi seguiti direttamente dall'associazione gli animali coinvolti negli incidenti sono morti. Le auto coinvolte in almeno l'85% dei casi riportano danni di non lieve entità e nel 2009 sono stati almeno duemila i feriti e 45 i morti dovuti agli incidenti automobilistici che hanno coinvolto gli animali selvatici.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.