Sul velo è scontro, la Francia dice no

In Francia il dibattito sul velo islamico va avanti dall’inizio degli anni Novanta: indossarlo o non indossarlo nei luoghi pubblici e a scuola è questione oggetto di discussioni e anche di studi (il caso della commission Stasi voluta dal presidente Jacques Chirac nel 2003). Più recentemente, il Parlamento francese è intervenuto per vietare il burqa, il velo integrale. È stata proposta, infatti, una legge per vietare il velo integrale alle donne islamiche nel Paese. Favorevole il presidente Nicolas Sarkozy, che ha dato il suo pieno appoggio: «Il burqa è un segno di avvilimento per le donne». «Non è il benvenuto sul territorio della Repubblica. Non si tratta di un problema religioso, ma di un problema di dignità della donna», ha detto raccogliendo un caloroso applauso. Il numero uno dell’Eliseo ha toccato quasi subito il tema scottante della legge proposta al Parlamento francese per vietare il burqa nel Paese e si è espresso in termini netti. «Il Parlamento si è fatto carico della questione, è la strada migliore - ha detto Sarkozy -, bisogna che tutte le opinioni siano espresse».

Commenti