Sviluppo economico, il premier lascerà l'interim: "Nomina settimana prossima". Romani in pole

Napolitano, durante la cerimonia del Ventaglio, tocca il tempo: "La questione della sostituzione di Scajola non è più rinviabile". Nel pomeriggio il premier annuncia la novità in conferenza stampa con Medvedev: lascerà l'interim entro sette giorni. Il viceministro favorito secondo fonti governative

Milano - Napolitano chiama, Berlusconi risponde. Il presidente della Repubblica durante la cerimonia del Ventaglio tocca il tempo al governo sulla sostituzione del ministro scajola: "L’istituzione governo non può ormai sottrarsi a decisioni dovute, come quello della nomina del titolare del ministero dello Sviluppo economico o del presidente di un importante organo di sorveglianza come la Consob". Nel pomeriggio il premier annuncia la novità. "In questo periodo ho fatto qualche cambiamento importante nella struttura del ministero ma ora posso anticipare che la prossima settimana procederemo alla nomina del nuovo ministro dello Sviluppo economico". Così Silvio Berlusconi, durante la conferenza stampa con il premier russo Dimitri Medvedev, ha risposto a una domanda sull’interim dello sviluppo Economico.

Romani in pole Torna in pista il nome di Paolo Romani come successore di Claudio Scajola al ministero dello Sviluppo Economico. L’attuale viceministro era stato indicato in un primo momento quale favorito alla poltrona lasciata vacante da Scajola, poi il presidente del Consiglio decise di assumerne l’interim. Alcune settimane fa il Cavaliere, secondo quanto trapelato, offrì all’Udc il posto di responsabile del dicastero. Oggi, anche dopo il nuovo invito del Colle, Berlusconi ha annunciato che al prossimo consiglio dei ministri sarà fatta la nomina. Fonti parlamentari del Pdl riferiscono che agli alti livelli istituzionali si preferirebbe la figura di un tecnico autorevole, ma il premier durante la riunione nella sede del governo potrebbe proporre il nome proprio di Romani. "È molto probabile che sia lui a succedere a Scajola" sostengono fonti governative.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.