La Svizzera fa un passo avanti verso l'addio al nucleare

Al referendum nazionale vince di misura il sì (58,2%). Il processo sarà graduale

Si profila un chiaro "sì" alla Strategia energetica 2050, proposta del governo svizzero, ed approvata dalla maggioranza del Parlamento per la graduale scomparsa dal nucleare su cui sono stati chiamati ad esprimersi i cittadini svizzeri.

Stando alla prima proiezione elaborata dall'Istituto gfs.bern i voti favorevoli avrebbero raggiunto il 58%. Dopo lo spoglio dei voti per corrispondenza, sempre secondo la proiezione, Ginevra appoggerebbe la legge nella misura del 71,9%, mentre Basilea Città del 62,1%.

Nel canton Zurigo la proiezione stima un 59,6% di "sì". I risultati definitivi di Nidvaldo e Appenzello Esterno vanno nella stessa direzione, con un sostegno rispettivamente del 50,6% e del 53,8%. Argovia e Glarona dicono invece di no con un tasso del 51,8% e del 56,3%.

Il testo prevede l'applicazione a tappe di una serie di misure per ridurre il consumo di elettricità, aumentare l'efficienza energetica e promuovere la produzione da fonti rinnovabili.

Contro la legge era stato lanciato un referendum dall'UDC, affiancata da alcuni esponenti politici di altri partiti conservatori e da alcune associazioni del mondo economico. L'anno scorso un referendum era fallito.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Raoul Pontalti

Dom, 21/05/2017 - 18:13

Non ditelo al prof. Franco Battaglia! Gli verrebbe un coccolone...

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 21/05/2017 - 18:26

Non capisco il perchè, proprio la Svizzera con tutte le montagne che ha, che abbia pure centrali nucleari???

aredo

Dom, 21/05/2017 - 18:29

Il processo sarà graduale.. certo... non avverrà mai! La Svizzera è piena zeppa di arsenali militari nelle montagne, ci sono una marea di basi militari supersegrete che usano energia nucleare. Le centrali non verranno mai spente davvero.

magnum357

Dom, 21/05/2017 - 22:06

Bravi bravi fessacchiotti, pagherete cara l'energia da importare .....

gian paolo cardelli

Dom, 21/05/2017 - 22:31

Sarà interessante vedere con che cosa sostituiranno quel 40% di energia consumata che proviene dalle centrali nucleari...

Gianni11

Lun, 22/05/2017 - 04:46

Avanti...all'indietro. L'Europa senza nucleare non puo' competere. L'Italia e' gia' fuori contesto perche non abbiamo l'energia per mandare avanti una nazione industriale.