8 bit: Kinect Sports Rivals

Grazie a Kinect l'Xbox One ci permette di cimentarci negli sport mai provati, come le moto d'acqua o l'arrampicata

8 bit: Kinect Sports Rivals

Non saremo «tutti sport invernali» come disse un famoso telecronista durante una trasmissione, ma, come italiani, amiamo praticare lo sport. Magari, con preferenza per quelli normali, tranquilli, non impegnativi. Arriva ora il nuovo Kinect Sports Rivals di Microsoft che potrebbe spingervi, artificialmente, verso discipline da voi mai frequentate. Tutto merito del Kinect e della nuova ammiraglia Xbox One. Fin dalla creazioni del vostro alter ego, vi proiettate in una dimensione diversa dal passato. La One, con l’aiuto del Kinect, mapperà il vostro viso per trasformarlo in un campione simile (almeno nelle intenzioni), come sembianze, a voi. Una volta proiettato il vostro volto su fisici che vostra moglie non ha mai visto, vi ritroverete su un’isola divisa in tre Clan con differenti filosofie. Qui, vi potrete cimentare in sei discipline come il Tennis, il Bowling, il Calcio (e fin qui, nulla di nuovo), l’Arrampicata, le Corse su Moto d’acqua e il Tiro al Bersaglio. Il Kinect funziona alla grande per le varie simulazioni e i comandi vocali non sono mai stati così seguiti dalla vostra console come con la One. Il che rende tutto, naturalmente, più divertente e tecnologico. Chi vi guarda da fuori, si divertirà nel vedervi mulinare braccia fingendo di avere una racchetta tra le mani o un pallone tra i piedi. Tra tutte e sei le discipline, però, quella più gettonata è certamente la gara con le moto d’acqua, con voi che muoverete braccia e resto del corpo come se foste, realmente, a cavallo di uno di questi mezzi. Il classico gioco «casual» da fare in compagnia di amici e parenti, per amplificare ulteriormente il tasso di divertimento.

Basta fare un giro su una metropolitana o su un mezzo pubblico. Tutti con la testa sullo smartphone a smanettare; spesso, con un gioco. Uno di quelli che ha avuto più successo è Cut the Rope e rispetto ai soliti rompicapo alla Candy Crush, non ha gemme o caramelle da allineare. Tutto si basa sulla fisica e consiste, semplicemente, nello sfamare Om Nom, un mostriciattolo verde che attende con fiducia che l’utente in questione riesca a far cadere, direttamente nella sua bocca, una caramella appesa, a una o più corde, dall’altre parte dello schermo. Sta a voi, con abilità, riuscire a tagliare nel momento giusto la leccornia oscillante perché altrimenti non finirà nelle fauci dell’affamato protagonista. Ora il gioco, ribattezzato Cut the Rope: La Trilogia (Activision), approda anche su Nintendo 3DS, console portatile che ben si adatta a questa particolare meccanica di gioco. Tutto molto semplice? Assolutamente no, perché più si avanza nei livelli (ce ne sono ben 650 tratti dai tre titoli partoriti dal franchise) e maggiore sarà la difficoltà di portare la candy nella bocca spalancata. Incontrerete più elementi sullo schermo che dovrete utilizzare a vostro vantaggio e dovrete superare dei percorsi ad ostacoli (tra scosse elettriche e barriere spinate). Insomma, non a caso è un rompicapo. Però, ha la maledetta caratteristica di catturare la vostra attenzione, di farvi venir voglia di cimentarvi con il nuovo livello. Insomma, attenzione perché è un gioco che dà simpaticamente dipendenza.

Se i vostri figli sono tra i fortunati possessori di Disney Infinity, mix tra videogame e collezionismo, sono usciti dei nuovi pack che arricchiranno il già vasto panorama di personaggi (ora sono ben 29) nati nella casa di Topolino; set da far interagire con quello che può essere considerato uno dei giochi più rivoluzionari degli ultimi anni. Tra le uscite, le ragazze vorranno quello dedicato a Frozen, il cartone trionfatore negli Oscar 2014, che propone, al pubblico, il set contenente le due sorelle Anna e Elisa. La prima, con uncino e pala, raggiunge i luoghi più difficili, mentre Elsa, ha abilità magiche, come la palla di ghiaccio, utile contro gli avversari. Per i maschietti, invece, ecco arrivare, dalla omonima serie televisiva, la confezione di Phineas & Ferb che include oltre al simpatico Phineas anche Perry l’Ornitorinco (versione agente P). Anche qui, le singole figure hanno caratteristiche particolari: Phineas, ad esempio, colpisce con uno sparapalle da baseball. In versione singola, invece, il divertimento cresce con Ralph e Vanellope, due dei protagonisti di Ralph Spaccatutto. I nuovi pupazzetti sono acquistabili sia in una confezione doppia, che include i gettoni speciali di espansione (ad un costo di 29,90 euro), sia in pack singoli contenenti i vari personaggi (senza gettoni esagonali e al costo di 12,90 euro ciascuno). La bellezza di questo gioco è che, praticamente, non finisce mai con l’arricchirsi di questi nuovi personaggi che lo rendono sempre diverso e vario.

Sempre in tema di espansioni, è uscita, da un paio di settimane, la seconda dedicata a Call of Duty: Ghosts (Activision). Interessante questo strumento delle DLC perché così facendo le case si aprono la possibilità di ottenere ulteriori incassi, rispetto al titolo di base, con l’aggiunta di implementazioni nelle mappe, negli arsenali e via dicendo. Non è obbligatorio prenderli e questo è positivo perché è lasciata all’utente la decisione se investire ulteriori euro, oppure no. Certo, l’appetito vien mangiando e se già si perdono ore e ore (come capita con COD) con il titolo base, figuriamoci se l’utente si lasci scappare un contenuto aggiuntivo. Devastation è il nome di questo nuovo DLC e offre quattro nuove mappe che includono una nave container distrutta (la migliore), un tempio Maya sulla montagna (la più suggestiva), un’escavatrice in Sudamerica e, dulcis in fundo, la versione ripensata di Dome, mappa che era comparsa con Call of Duty: Modern Warfare 3. A completamente, una nuova arma tattica «The Ripper» e il secondo capitolo di Estinzione.

Commenti