iOS 16, è già tempo di aggiornamenti

Apple rilascerà a breve un aggiornamento di iOS 16 per correggere un problema sugli iPhone 14 Pro e Pro Max. Ma in pentola bolle anche altro

iOS 16, è già tempo di aggiornamenti: ecco cosa cambia

Alcuni utenti lamentano problemi di vibrazione della fotocamera degli iPhone 14 Pro e degli iPhone 14 Pro Max. Apple è già al lavoro per il rilascio, previsto per la settimana prossima, dell’update di iOS 16.0.2. L’update per aggiornare la versione a iOS 16.0.1 è stato fornito lo scorso 16 settembre, ovvero il giorno a partire dal quale è stato possibile acquistare gli iPhone 14, per correggere un problema di FaceTime, il servizio di videochiamate proprietario di Apple.

In una manciata di giorni, quindi, Cupertino è chiamata a risolvere problemi di varia natura. Niente di atipico né di grave, si tratta infatti di “minor update”, piccoli correttivi che non sono stati individuati in modo appropriato durante i test dei sistemi operativi ai quali, di norma, partecipano sviluppatori e utenti volontari.

Cosa succede alle videocamere degli iPhone 14 Pro e Pro Max

Alcuni utenti lamentano vibrazioni rapide e rumorose al comparto fotografico quando fanno uso di app di terze parti, come per esempio Instagram o TikTok.

Il problema sarebbe da ricondurre al firmware della stabilizzazione degli obiettivi della fotocamera (il software che ne gestisce il funzionamento) e Apple, come detto, si è già messa al lavoro per risolverlo.

Gli utenti di iOS 16 lamentano anche un accesso di notifiche e richieste di autorizzazione nel momento in cui si copia del testo da un’applicazione per inserirlo in un’altra. Un problema che Apple ha riconosciuto, anche se non si sa quando verrà risolto.

Una cosa che hanno notato in pochi

Lo scorso 12 settembre Apple ha rilasciato iOS 16 e, parallelamente, un corposo aggiornamento di iOS 15, il sistema operativo precedente e destinato anche a smartphone più vetusti, inclusi gli iPhone 6s non previsti tra quelli compatibili con la nuova versione di iOS.

Un aggiornamento che Apple ha esteso a tutti i dispositivi non più recentissimi compresi gli iPad (ai quali è stata dedicata la versione 15.7 di iPadOS) e i Mac più datati, mettendo a disposizione la versione 12.6 del sistema operativo Monterey e la versione 11.7 di macOS Big Sur.

Cupertino ha quindi voluto mettere al riparo dalle falle di sicurezza anche i dispositivi più datati e ancora in uso. Giova ricordare che, per garantire la migliore sicurezza possibile sia in casa sia sul posto di lavoro, non si dovrebbero usare dispositivi non aggiornati e, soprattutto, quelli che non possono più essere aggiornati perché troppo in là con gli anni e fuori dalle mire commerciali di chi li produce. Questo argomento vale per ogni dispositivo, a prescindere dal sistema operativo, che si usa per navigare o anche soltanto per inviare e ricevere email.

Commenti