Pianeti allineati, in 5 visibili a occhio nudo. Quando vederli

All'alba del 25 giugno sarà possibile osservare a occhio nudo ben 5 pianeti. Attenzione anche alla Luna

Pianeti allineati, in 5 visibili a occhio nudo. Quando vederli

Questo mese nell'emisfero Nord del pianeta, nelle ore che precedono l'alba si potranno osservare ben cinque pianeti a occhio nudo. Gli appassionati di astronomia avranno la possibilità di vedere Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno nell'esatto ordine di distanza che hanno dal Sole.

Il fenomeno sarà visibile in tutto il mondo. Gli osservatori residenti nell'emisfero nord potranno vedere i pianeti allineati nel settore est-sudest mentre quelli che si trovano nell'emisfero sud dovranno guardare in direzione est-nordest. Il momento migliore per osservare l'allineamento è un'ora o almeno mezz'ora prima dell'alba.

Cosa accadrà

Avvistare due o tre pianeti ravvicinati, fenomeno chiamato congiunzione, non è poi così raro da vedere. Il fatto che siano 5, invece, rende il tutto ancora più prezioso. In media, questo evento avviene ogni 18 anni. Non rarissimo ma pur sempre unico. L'ultima volta che è successo era il 2004. Mentre la prossima volta che potrebbero allinearsi i pianeti dovrebbe essere nel 2040. Il primo corpo celeste visibile sarà Saturno trovandosi questo a sud-est. Poi Giove e Marte mentre Venere e Mercurio saranno osservabili un'ora e quaranta prima dell'alba. Quando? il 25 giugno. Qualora si possedesse un binocolo non dovrebbe essere poi così complicato osservare anche Urano e Nettuno.

Inoltre, l'evento sarà certamente impreziosito dalla presenza della Luna. Il suo essere visibile vicino agli altri 5 pianeti sarà in grado di rendere il tutto anche più interessante e particolare. Il prossimo 24 giugno la Luna, infatti, sarà molto vicino a Giove e solo 24 ore dopo si troverà a breve distanza da Marte. Lo spettacolo sarà completo all'alba del 26 giugno. Solo allora il satellite terrestre sarà allineato anche con Venere e con la costellazione delle Pleiadi, un ammasso stellare che si trova nella costellazione del Toro. Anche quest'ultime fanno parte dell'emisfero settentrionale. Normalmente si possono identificare a occhio nudo sei stelle anche se, a dir la verità, chi ha una vista particolarmente profonda può arrivare a contarne addirittura 11.

Il più difficile tra i pianeti da individuare in questi giorni sarà Saturno ma basterà seguire l'allineamento degli altri corpi celesti per trovarlo.

Commenti