Telefonate hard in regione Basilicata

Che pacchia, quando paga la Regione: telefonate mute per ricaricarsi il cellulare personale, auto di servizio usate per sbrigare impicci altrettanto privati, addirittura chiamate a veggenti per scoprire cos’hanno in serbo gli astri. È scandalo in Basilicata nel palazzo del due volte governatore democratico Vito De Filippo, rivela La Gazzetta del Mezzogiorno. L’ultima succosa inchiesta intrapresa dal pm d’assalto Henry John Woodcock - poi trasferito a Napoli - ha nel mirino il comportamento disinvolto di sei impiegati lucani: assenteismo sistematico, peculato a mezzo telefonico (c’era chi chiamava al centralino Rai per partecipare al gioco Affari tuoi), uso a fini personali di macchine e uffici messi a disposizione dall’amministrazione regionale. Il più intercettato dai pm, poi, sarebbe proprio un collaboratore esterno vicino a De Filippo, capace di telefonare a costose utenze per esplorare il favore delle stelle, intavolare lunghi colloqui sentimental-erotici con amichette del cuore e approfittarne perfino per ordinare prodotti afrodisiaci.

Commenti