Tempi duri per i bugiardi: arriva dall'Inghilterra la macchina «scruta volti»

Il meccanismo messo a punto da Hassan Ugail della Bradford University, assieme ai colleghi dell'ateneo di Aberystwyth e alla britannica Border Agency, presentato al «British Science Festival» in corso a Bradford. Ogni piccolo sussulto dei muscoli facciali viene segnalato da un sensore termico collegato a una telecamera

Tempi duri per i troppo furbi. Quelli che ti riempiono di bugie con l'aria di saperla lunga, quelli che hanno scheletri nell'armadio, quelli che hanno rubato la marmellata (o di peggio). È in arrivo una macchina della verità che non ricorre a sostanze chimiche (tipo «pentotal») o altre diavolerie. Ci si limita a scrutare il volto del presunto bugiardo, sicuri che i muscoli del viso prima o poi tradiranno l'emozione anche dei menzogneri più incalliti. Nasi che si arricciano impercettibilmente, labbra che si serrano un po' di più, sussulto degli occhi se non addirittura i capillari del viso che si dilatano in preda al rossore della paura di essere scoperti.
È il dispositivo messo a punto da Hassan Ugail della Bradford University con colleghi dell'ateneo di Aberystwyth insieme alla britannica Border Agency, presentato al British Science Festival in corso a Bradford.
Secondo quanto si apprende dalla BBC online il dispositivo è in sé molto semplice: una videocamera e un sensore termico che scrutano il volto e sfruttano quegli impercettibili e involontari movimenti chetradiscono le nostre emozioni, anche quelle della persona più imperturbabile e disinvolta.
La macchina della verità è stata già testata con successo su volontari ma i ricercatori promettono di testarla presto sul campo, in aeroporto e che il dispositivo avrà un successo ancora maggiore di quello documentato finora, perchè nella vita reale il nostro viso ci tradisce ancora di più che in un set di laboratorio.

Commenti