La testa di serie se ne va a casa

La testa di serie se ne va a casa

Colpo grosso sul centrale di Valletta Cambiaso. In tre set si è concretizzata la non pronosticabile sconfitta della testa di serie n° 1 del Challenger AON primo memorial Giorgio Messina. Lo spagnolo Albert Montanes, n° 48 ATP, viene mandato a casa dall'argentino Juan-Martin Aranguren (n° 260 mondiale) dopo tre frazioni (4/6, 6/3, 6/4). Ancora una volta le classifiche sembrano bugiarde. Comunque si era già visto nell'incontro dell'esordio che lo spagnolo, dotato tecnicamente ai piani alti, non era nel suo periodo migliore sia fisicamente e sia per lo stato di forma. Aranguren ha capito il momento difficile dello spagnolo, ha alzato i ritmi del suo gioco e, alla fine, è riuscito a portare a casa un successo per lui molto importante.
Con le onorevoli sconfitte di Walter Trusendi e Thomas Fabbiano, il torneo perde gli ultimi due italiani rimasti in gara nel singolare. Sono state le due teste di serie tedesche ad eliminare i nostri portacolori. Trusendi ha costretto ai tre set Simon Greul (2) che ha dovuto ricorrere al tie-break (3/6, 6/0, 7/6) per accedere ai quarti di finale oggi in programma. Walter ha lottato con la consueta generosità e per poco ha mancato la grande impresa. Fabbiano ha incontrato l'altro tedesco, Daniel Brands (7), evidenziando ancora un buon tennis, ma non sufficiente per il successo. E' stata una sconfitta limitata (6/4, 6/4) che nel bagaglio di esperienza del giovane Thomas ci può stare. Combattuto e avvincente nelle prime due frazioni l'incontro tra l'esperto israeliano Harel Levy e il giovane focoso francese Laurent Recouderc. Con una classifica ATP equivalente, i due si sono dati battaglia, superandosi di misura nelle prime frazioni. Poi al terzo è prevalso Levy con punteggio abbastanza netto (6/4, 4/6, 6/2). Molto equilibrato, e deciso da due tie-break, l'incontro tra l'argentino Carlos Berlocq e il francese Alexandre Siderenko. Nei sedicesimi i due avevano disputato, sotto il profilo fisico, due incontri completamente diversi. Siderenko, opposto al qualificato Smirnov, era rimasto in campo oltre tre ore, mentre Berlocq, in due set aveva eliminato la testa di serie n° 8, l'algerino Lamine Ouahab. E Siderenko per un soffio è fuori dal torneo. Facile il compito per il belga Steve Darcis, il Top 100 testa di serie n° 5, che in due frazioni (7/6, 6/3) si libera del serbo Boris Pashanski.
Anche la gara di doppio offre agli appassionati incontri e coppie davvero interessanti. Fra queste, la testa di serie n° 1 Ross Hutchins e Jean-Juilien Rojer, che all'esordio ha vinto al terzo (6/3, 3/6, 17-15) su Yuri Schukin e lo svizzero Davisman Marco Chiudinelli.
Da oggi, con i quarti di finale. l'ingresso è a pagamento, 10€ per una tessera valida fino all'incontro finale. Assieme alla tessera valida per la tre giorni finale del torneo, può, sempre a Valletta Cambiaso, essere acquistato il tagliando per la tre giorni di Coppa Davis. Sarà invece libero l'accesso per i ragazzi dei corsi giovanili accompagnati dai loro maestri.