La trasparenza sugli stipendi? C’è. Ma è nascosta

(...) e di rendere noto ogni dettaglio «pubblico» che riguardasse i loro uffici, inclusa la cifra percepita in busta paga. Quasi un anno e mezzo è passato, due mesi fa è arrivata pure una circolare della presidenza del consiglio riservata agli enti locali, dunque il tempo per digerire il concetto non è mancato. Siamo andati a vedere sui siti di Comune, Provincia e Comune se e dove sono stati pubblicati gli stipendi di dirigenti e consulenti. La buona notizia è che la raccomandazione è stata accolta, che le cifre ci sono tranne rare eccezioni, ma la vera scommessa è riuscire a trovarle senza perdere la pazienza.
Cominciamo dal Campidoglio: i link abbondano e sulla barra di destra attira subito la nostra attenzione la voce «trasparenza». Dovremmo esserci, ma né tra «Attività del Consiglio Comunale», «Delibere e atti, testi integrali», «Iniziative popolari», «Bilancio» e «Bandi ed esiti di gara» troviamo quello che stiamo cercando. Ci smarriamo tra voci e sottovoci, andiamo avanti e dobbiamo subito tornare indietro. Per farcela bisogna proprio incaponirsi: occorre cliccare su «Dipartimenti e altri uffici», poi su «Dipartimento I», indi guardare a sinistra e la voce che ci interessa, quella che porta alla pagina dove si possono scaricare i file Excel con i trattamenti economici, è addirittura la tredicesima. Si potrebbe fare di meglio.
Anche sulle pagine web della Provincia occorre improvvisare una mezza caccia al tesoro. Mezza perché tagliare il traguardo è comunque più agevole rispetto a quanto avviene sul sito del Comune. Nello specifico si può scorrere in basso a destra fino alla sezione «Trasparenza amministrativa», di lì cliccare indifferentemente su «Elenco storico delle delibere», «Gare», «Bande e avvisi», «Concorsi». Una delle ultime voci sulla sinistra è «Retribuzioni annuali dei dirigenti», un documento in Pdf di due pagine che soddisfa la nostra curiosità.
Capitolo a parte merita la Regione Lazio. Nei mesi scorsi eravamo stati molto severi su queste colonne con la Pisana, documentando che la trasparenza era fittizia, solo sbandierata da Marrazzo. Avevamo dimostrato che la quasi totalità dei dirigenti non pubblicizzava il suo stipendio. La situazione è migliorata ed è possibile leggere le cifre con due passaggi appena: dalla home, barra a sinistra nel menu «La tua regione», entriamo nel «Progetto trasparenza totale». Nel testo ci sono una serie di link attivi che portano all’organigramma, ai tassi di assenza, alle retribuzioni e persino alle valutazioni degli obiettivi. Sarà contento Brunetta.