Zona a rischio: in passato frane e morti

Una zona a rischio con tragici precedenti. Nel 2007 un violentissimo nubifragio provocò una serie di frane. Nel 1998 morirono quattro persone e nel 1996 ancora un'altra frana

Zona a rischio: in passato frane e morti

Messina - L’ultima emergenza risale al 25 ottobre del 2007, quando un violentissimo nubifragio, che provocò una serie di frane, si abbattè su Giampilieri e Briga, frazioni del comune di Messina, e sui paesi limitrofi come Scaletta Zanclea, oggi nuovamente devastati dal maltempo. Allora non ci furono vittime, nè crolli, ma cumuli di fango, terra e detriti si abbatterono sulle abitazioni e riempirono le strade trascinando via decine di auto. Dalle colline si staccarono massi di terra, diverse case vennero travolte e i torrenti Saponara, Racinacci e Divieto, strariparono bloccando la circolazione e isolando centri abitati. Per ore l’intera area jonica del messinese rimase isolata: un’enorme quantità di terriccio precipitò da un costone soprastante le due corsie dell’autostrada. Ma quella di due anni fa è solo l’ultima delle emergenze provocate dal maltempo nel Messinese. Nel 1998, tra Pace e Annunziata, alla periferia nord di Messina, sotto le frane seguite a un nubifragio, morirono quattro persone e nel 1996 gli abitanti di Mili San Marco, rischiarono di restare sepolti da una frana.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti