Auto in doppia fila: multe a strascico in tutta la Lombardia

Prime sanzioni ieri a Milano con il nuovo sistema Il progetto presto sarà esteso nelle altre città

Auto in doppia fila: 
multe a strascico 
in tutta la Lombardia

La guerra alla doppia sosta è partita. Le 90mila auto che ogni giorno, dati Aci alla mano, vengono parcheggiate in maniera "selvaggia" hanno i giorni contati. Con enorme soddisfazione degli utenti dei mezzi pubblici, costretti quotidianamente a perdere minuti preziosi perchè un’auto parcheggiata sulle rotaie impedisce il passaggio, e degli stessi automobilisti in coda, magari proprio dietro al tram. Per la prima volta, forse, i ghisa, ieri in servizio con le auto dotate di sistema "steeet control" hanno ricevuto più di un ringraziamento dai passanti. Le multe a strascico piacciono anche all’assessore regionale alla poliza locale Romano La Russa, che propone di estenderlo in Lombardia: "Il progetto di multare le auto in sosta in doppia fila va esteso anche alle altre grandi città della Lombardia. Questa è infatti una delle infrazioni più "antipatiche"e che maggiormente creano disagi sia agli automobilisti sia ai pedoni".
Milanesi attenti: il sistema - supporto elettronico al lavoro degli agenti che, a bordo dell’auto, puntano la telecamera per scattare le foto alle auto in doppia fila - è entrato in funzione ieri e ha comminato le prime sanzioni, che entro un mese verranno notificate a casa. Le foto del veicolo e della targa, invece, saranno visibili sul sito del Comune (www.comune.milano.it) nella sezione "Multa semplice". Solo ieri mattina lungo via Turati - via Manzoni, sono stati immortalati 19 furbetti della sosta. Stessa sorte è toccata a camion e furgoni impegnati nelle operazioni di carico e scarico merci fuori dagli orari consentiti a Chinatown. Nel pomeriggio invece altre due pattuglie hanno battuto corso Vercelli e via Marghera, "dove addirittura si trovano auto in terza e quadrupla fila" commenta il vicesindaco e assessore alla Mobilità Riccardo De Corato, e l’area di viale Monza, piazzale Loreto e Porpora. I vigili si concentreranno ancora oggi in particolare in queste vie per spostarsi nel resto della settimana lungo viale Abruzzi e via Padova, piazza San Babila, Durini e il perimetro del Tribunale, viale Papiniano e corso Magenta, via Lorenteggio/ Tolstoj, la Cerchia dei Navigli e quella dei Bastioni, Maciachini, Bligny/Ripamonti e Sabotino. In questa prima fase gli automobilisti vengono avvertiti della multa, valida già da ieri, grazie alla notifica sul parabrezza ma da settembre, quando il sistema sarà a pieno regime, la notifica arriverà direttamente a casa e le venti pattuglie gireranno a caso nelle oltre 700 vie ad alto scorrimento. "Il nostro obiettivo - spiega De Corato - è fare educazione stradale e fluidificare il traffico".
Timore di ricorsi? "No, finchè è presente un vigile sul posto non c’è nessun problema di omologazione dello strumento, e se un agente usa un palmare invece che un blocchetto di carta per fare le multe per i cittadini non c’è nessuna differenza".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti