Automotive

Tesla taglia ancora i prezzi alla Model 3, ribasso di 2 mila euro sul listino

Continuano i tagli a ribasso di Tesla, che ora porta Model 3 RWD ad un prezzo base di soli 40.490 euro, esclusi incentivi

Tesla taglia ancora i prezzi alla Model 3, ribasso di 2 mila euro sul listino

Ascolta ora: "Tesla taglia ancora i prezzi alla Model 3, ribasso di 2 mila euro sul listino"

Tesla taglia ancora i prezzi alla Model 3, ribasso di 2 mila euro sul listino

00:00 / 00:00
100 %
Tabella dei contenuti

Tesla ha nuovamente tagliato i prezzi della nuova Model 3 per l’Italia. Non è la prima volta che la casa americana attua queste repentine e improvvise operazioni commerciali. Era successo lo scorso anno sia per Model Y che per Model 3 al termine del ciclo di vita. E ora accade nuovamente, a pochi mesi dal debutto dell’ultima generazione di Model 3, chiamata Highland.

foto copertina video tesla

I tagli al listino di Model 3

Il ribasso di Tesla ha interessato entrambe le versioni di Model 3, sia la Model 3 RWD alla base della gamma (che passa da 42.490 euro a 40.490 euro) ma anche per la versione Model 3 Long Range (che ora passa da 49.990 euro a 47.990 euro). Un taglio significativo per diverse ragioni. In questo modo, la versione di accesso continua a rientrare nella politica degli incentivi statali anche accessoriando la vettura con i cerchi da 19 pollici. Ricordiamo infatti che la soglia ministeriale è posta a 42.700 euro. Prima dei tagli, la versione RWD superava tale limite aggiungendo l’optional indicato, mentre ora è possibile rimanere completamente sotto alla soglia massima.

Tesla ha inoltre ribassato di 2.000 euro anche i listini di Model X e Model S, senza però effettuare alcuna modifica a quello di Model Y, rimasto invariato con una cifra minima di 43.670 euro.

Tesla Model 3 Highland 2024: guarda la gallery  18

Come varia con gli incentivi?

Ricordiamo che l’ultimo decreto governativo, prevede una maggior incentivazione sull’acquisto di vetture a basso impatto ambientale, stimolando gli automobilisti italiani a sostituire il parco auto circolante. Stando agli incentivi attualmente in vigore, si parla di uno sconto di ben 3.000 euro sull’acquisto di default, che possono diventare 5.000 in caso di rottamazione di un veicolo Euro 4 o inferiore, in possesso da almeno un anno.

Con i nuovi incentivi 2024, che entreranno in vigore prossimamente (si pensa per metà maggio), si potrà ottenere una maggiore scontistica. Si parla di una soglia massima di 13.000 euro in caso di rottamazione e ISEE inferiore a 30.000 euro.

Commenti