Belgio In pieno giorno rubato un Magritte

Pochi minuti, il tempo di farsi aprire la porta del museo e minacciare le persone presenti, e l’Olympia di René Magritte - valore di stima fino a 3 milioni di euro - si è volatilizzata insieme ai suoi due rapinatori. Il colpo è stato messo a segno ieri mattina alle dieci quando due uomini, uno armato di pistola, si sono fatti aprire la porta dalla custode della piccola casa museo nel quartiere di Jette alla periferia di Bruxelles, dove il pittore surrealista ha vissuto con la moglie Georgette dal 1930 fino al 1954. Il piccolo museo, che da giugno è stato affiancato dal grande spazio espositivo dedicato a Magritte nel centro di Bruxelles, apre solo su richiesta e al momento dell’irruzione vi si trovavano alcuni addetti e una coppia di turisti. I due uomini, dei quali uno di aspetto asiatico, ha raccontato il curatore del museo, sono entrati a volto scoperto e senza sparare hanno costretto le persone presenti ad andare nel cortile interno, prima di concentrarsi sul quadro ad olio del 1948.

Commenti

Grazie per il tuo commento