Benessere

Giornata mondiale della salute 2023: promuovere il benessere per tutti

La Giornata mondiale della salute (WHD), celebrata ogni anno il 7 aprile, segna l'anniversario della fondazione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 1948 e si concentra ogni anno su uno specifico problema di salute pubblica. Scopriamola insieme

Giornata mondiale della salute 2023: promuovere il benessere per tutti
Tabella dei contenuti

Nel 1948, i Paesi del mondo si sono riuniti e hanno fondato l'OMS per promuovere la salute, proteggere il mondo e servire i vulnerabili, in modo che tutti, ovunque, potessero raggiungere il massimo livello di salute e benessere. Il 75° anniversario dell'OMS è un'opportunità per guardare indietro ai successi della sanità pubblica che hanno migliorato la qualità della vita negli ultimi settant'anni. È anche un'opportunità per incoraggiare l'azione per affrontare le sfide sanitarie di oggi e di domani.

Dopo più di 7 decenni di esistenza, l'OMS, la cui sede è a Ginevra, conta più di 7.000 collaboratori, che lavorano in uno dei 150 uffici presenti in diversi Paesi del mondo. L'OMS è interessata a tutto ciò che riguarda la salute e in particolare ai sistemi sanitari, oltre alle varie discipline mediche.

L'obiettivo dell'OMS

L'obiettivo dell'OMS è promuovere la salute lungo tutto l'arco della vita su scala globale, incoraggiando e coordinando l'azione di tutti i Paesi. Attualmente, sta evidenziando diversi importanti problemi di salute pubblica che stanno mobilitando le sue forze in tutto il mondo:

  • salute universale;
  • equità sanitaria;
  • funzioni essenziali di sanità pubblica;
  • assistenza sanitaria primaria;
  • malattie infettive e malattie non trasmissibili;
  • salute mentale.

Salute universale significa accesso universale alla salute e all'assistenza per tutte le persone, senza alcuna discriminazione, con un'assistenza adeguata, completa e sufficiente. Richiede inoltre la disponibilità per tutti i Paesi e tutti i popoli di farmaci sicuri, efficaci e di qualità a un costo accessibile. La situazione attuale non raggiunge ancora gli obiettivi prefissati. Quasi il 30% delle persone che vivono nel continente americano dichiarano di rinunciare alle cure necessarie, per vari motivi (organizzazione dell'assistenza, difficoltà economiche, disparità nell'accesso alle cure, problemi di discriminazione, ecc.).

Tuttavia, l'equità sanitaria è essenziale per garantire la giustizia sociale. Richiede sforzi di collaborazione tra Stati e operatori sanitari. Molto spesso, le disuguaglianze sanitarie non si basano su differenze biologiche ma su fattori sociali ed economici. L'equità sanitaria implica già pari accesso all'assistenza sanitaria di base. Aumentando l'assistenza sanitaria di base nei Paesi a basso e medio reddito, entro il 2030 potrebbero essere salvate 60 milioni di vite, ma oggi più di 900 milioni di persone nel mondo non possono permettersi le spese sanitarie, che rappresentano oltre il 10% del loro bilancio familiare .

In varie parti del mondo, alcune malattie croniche rappresentano le principali cause di morte e morbilità: tumori, malattie cardiovascolari, malattie metaboliche, dipendenze da diverse sostanze (tabacco, alcol, droghe, ecc.) sono tutti flagelli non contagiosi ma che colpiscono gran parte della popolazione mondiale. Queste patologie sono responsabili ogni anno di 41 milioni di morti nel mondo (71% della mortalità globale). Le malattie cardiovascolari vengono prima dei tumori.

L'importanza della salute mentale

Infine, la salute mentale è un importante problema di salute pubblica. La pandemia di Covid-19 lo ha ampiamente dimostrato. Dallo stress cronico alla patologia psichiatrica, copre una vasta gamma di patologie, spesso poco riconosciute, a volte mal diagnosticate e raramente ben curate. Tuttavia, i disturbi della salute mentale possono danneggiare la salute, ad esempio, aumentando il rischio di altre malattie. Tra il 10 e il 15% delle donne nei Paesi industrializzati e tra il 20 e il 40% delle donne nei Paesi in via di sviluppo soffre di depressione durante la gravidanza o dopo il parto. Le demenze, come il morbo di Alzheimer, colpiscono sempre più persone anziane ma anche tanti giovani. La salute globale richiede inevitabilmente una migliore salute mentale.

Il nostro capitale inalienabile più prezioso è la nostra salute. Ma la situazione mondiale è allarmante: i Paesi in via di sviluppo non hanno ancora le condizioni di vita necessarie per mantenersi in buona salute.

Nei cosiddetti Paesi sviluppati, anche l'uguaglianza in termini di salute non è appropriata. Mentre la maggioranza dei cittadini di questi Paesi beneficia di infrastrutture sanitarie efficienti e accessibili, altri sono costretti a rinunciare ad alcune cure, per non poter pagare la mutua che coprirà le loro spese.

Per questo, l'OMS esorta i leader di ogni Paese a rispettare i loro impegni e per far valere i diritti di tutti. Ma anche per rivedere i successi di sanità pubblica che hanno migliorato la qualità della vita negli ultimi 7 decenni. Si noti che la Giornata mondiale della salute è una delle 8 campagne globali condotte ogni anno dall'OMS.

Come dare il proprio il sostegno

Ci sono diverse modalità per informarsi e partecipare attivamente alla Giornata mondiale della salute.

  • Partecipare ad un evento. In occasione della Giornata mondiale della salute, vengono organizzati eventi di sensibilizzazione in tutto il mondo per informare meglio l'opinione pubblica su morbilità, mortalità e sofferenza
  • Prendere parte a conferenze, dibattiti e workshop per discutere l'accesso alle cure per tutti
  • Usare gli hashtag ufficiali #HealthForAll e #WHO75 sui social network per mostrare il proprio sostegno e combattere le disuguaglianze in termini di salute.

Rendere la salute per tutti una realtà è possibile ma per fare questo l'OMS ha bisogno di individui e di comunità che abbiano accesso a servizi sanitari di qualità in modo che possano prendersi cura della propria salute e di quella delle proprie famiglie.

Commenti