California Tutti in fila davanti alla clinica del «dottor Tatoff»

ERRORI Mai farsi incidere il nome del partner sulla pelle. Se si litiga, poi che si fa?

In California non hanno perso tempo ad andare incontro alla nuova tendenza di eliminare scritte cinesi, simboli tribali, disegni di ogni tipo, tutti marchiati con ago e inchiostro sulla pelle di quella schiera di ex adolescenti che, se ai tempi della scuola, contagiati da attori, cantanti e sportivi, si metteva in coda dai guru del tatuaggio, ora, è formata da adulti, pentiti e stufi di vedersi addosso quei geroglifici. Ed ecco che per liberarsene si rimettono in coda, ma stavolta davanti alle porte delle tre cliniche aperte nel sud della California dal Dr Tattoff, così si fa chiamare, e dal suo staff.
Aperte da poco, ma già con una lunga lista di pazienti, le tre strutture sanitarie sono specializzate nella rimozione di tatuaggi e, a colpi di laser, stanno facendo una fortuna. Tanto che ora si parla di un nuovo mercato, un vero business che, appena nato, intende sfruttare la moda, approfittare del momento favorevole, conquistando tutto il territorio nazionale. Nelle intenzioni del Dr Tattoff c’è prima il progetto di aprire altre sedi, altri centri, pronti ad accogliere e soddisfare i sette milioni di potenziali pazienti che, stando a ricerche e sondaggi, negli Stati Uniti non aspettano altro che fissare una visita, poi una seduta e, infine, farsi dare una ripulita in profondità alla pelle, sporca da vecchie passioni o ribellioni adolescenziali. Ma chi sono questi pentiti? Sono uomini e donne sui 35-40 anni che sul lavoro o durante cerimonie e occasioni formali prova imbarazzo per colpa di quel tattoo fatto da teen ager. Allora chi riusciva ad avere un tatuaggio lo sfoggiava fiero, oggi il 60 per cento di loro non lo sopporta più. E proprio per questo, riecco Mr Tattoff che a loro promette di fare il possibile perché nel futuro la «cura anti-tattoo» rientri nel servizio sanitario pubblico, sia quindi gratuita.

Commenti