"Casa: prezzi in calo, in ripresa nel 2011"

Secondo l’osservatorio sul mercato immobiliare di Nomisma, nel 2009 i prezzi sono calati in media dello 0,7% rispetto al 2008, con un calo più intenso nelle grandi città (-4,1%) e di poco inferiore in quelle intermedie (-3,7%). Per il 2010 si prevede un calo medio attorno all’1%

In Italia continua il calo dei prezzi delle abitazioni cominciato nella seconda metà del 2008, in seguito all’accentuarsi della crisi. Secondo l’osservatorio sul mercato immobiliare di Nomisma, nel 2009 i prezzi sono calati in media dello 0,7% rispetto al 2008, con un calo più intenso nelle grandi città (-4,1%) e di poco inferiore in quelle intermedie (-3,7%). Per il 2010 si prevede un calo medio attorno all’1% ma ci si attende una lieve ripresa dei prezzi per il 2011. Il dato più rilevante sulla crisi del mercato immobiliare - ha sottolineato il presidente di Nomisma Gualtiero Tamburini - riguarda però il calo delle compravendite, crollate negli ultimi due anni da 850 mila alle attuali 600 mila. Oggi il mercato immobiliare italiano vale 109 miliardi (91 per le abitazioni e 18 per gli immobili non residenziali) contro un dato corrispondente di 154 miliardi del 2007, con una contrazione del valore delle compravendite del 18,1% e una perdita di circa 45 miliardi. In calo anche gli investimenti (-10 miliardi) con una perdita di 200 mila posti di lavoro, 150 mila nelle costruzioni e 50 mila nei servizi immobiliari.

Autore

Commenti

Caricamento...