Coppa Italia Frosinone, c’è il Varese

Inizia questa sera, con la gara di Coppa Italia contro il Varese, la stagione ufficiale del Frosinone, preludio al quarto campionato consecutivo in serie B. Nel secondo turno di Coppa Italia, i canarini hanno pescato la formazione lombarda, neo promossa in Prima divisione (la vecchia C1) che 7 giorni fa un po’ a sorpresa era andata a vincere con la Cavese. Per il nuovo Frosinone targato Francesco Moriero, sarà anche l’occasione per presentarsi al caldo pubblico amico del Matusa, che già in questi giorni, al rientro della squadra dal ritiro abruzzese, ha riempito gli spalti del campo d’allenamento. Molte le novità, ad iniziare proprio dal tecnico. Francesco Moriero, ex giocatore di Roma, Inter e Lecce, dopo il campionato vinto a Crotone con una squadra giovane, era stato richiesto anche da società di serie A, ma nei mesi scorsi aveva raggiunto un accordo sulla parola con il presidente ciociaro Stirpe e, da uomo vero oltre che campione qual è, ha tenuto fede all’impegno, sottoscrivendo un biennale con il Frosinone. «E’ una società seria e organizzata - ha detto Moriero – e qui ho l’occasione giusta per il lancio nel grande calcio anche come allenatore». Dal punto di vista della squadra, molte le novità rispetto alla scorsa stagione. Sono andati via tre punti di forza: Dedic al Bochum, in Bundesliga, Eder riscattato dall’Empoli e Antonazzzo, finito al Chievo. Sono però arrivati altri elementi di spicco, ad iniziare dal brasiliano Caetano e da Basso, giocatori che Moriero aveva a Crotone e che ha voluto con sé anche in quest’avventura ciociara. Dall’Albinoleffe è poi arrivato Caremi, centrale di grande esperienza, mentre dal Venezia è stato preso Semenzato, giovane di cui si dice un gran bene, dal Rimini lo svizzero Basha e dal Siena il difensore Del Prete. Questo Frosinone già piace ai tifosi e il muro dei 2500 abbonamenti dello scorso anno appare destinato a cadere. Stasera il primo banco di prova, peraltro utile, in caso di vittoria, a regalarsi un altro turno in Coppa Italia contro il Bologna.

Commenti