Corteggia una donna durante una festa Peruviano ventenne ucciso a coltellate

L’ennesimo omicidio tra stranieri, accaduto intorno all’una dell’altra notte in città, scaturisce dal solito «futile motivo». Il movente è un apprezzamento partito da un peruviano 20enne e diretto a una giovane connazionale durante una festa. Sabato sera molti peruviani milanesi celebravano la ricorrenza di Santa Rosa di Lima, patrona della capitale. La vittima - Robert Antonio Jara Cavero, dipendente di una ditta di trasporti e chiamato da tutti «Tony» - era regolare e incensurato. Sabato si era recato alla festa, con quattro amici, in un parco adiacente a viale Forlanini. Verso mezzanotte decidono di andarsene, ma Tony rimane indietro rispetto agli altri, che poco dopo sentono delle urla. Vedono due ragazzi: uno ha in mano un coccio di bottiglia e l’altro sta sferrando una coltellata al torace di Tony. I due assalitori approfittano della folla e spariscono. Tony morirà poco dopo all’ospedale per la coltellata al torace. E, secondo gli investigatori della squadra mobile, alla base dell’aggressione ci sarebbe un apprezzamento fatto dal giovane a una ragazza di un’altra compagnia, quella di cui facevano parte i suoi aggressori a cui ora si dà la caccia.