Cronaca giudiziaria

"Non voleva solo sfregiarla...". Rivelazione choc di un'amica della vittima dell'acido

La donna aggredita nel Padovano lo scorso 16 febbraio. L'inquietante dettaglio svelato da Storie italiane su Rai1: "L'aggressore ha provato a farle bere l'acido"

"Non voleva solo sfregiarla..". Rivelazione choc di un'amica della vittima dell'acido
Tabella dei contenuti

Il cerchio intorno all'aggressore si stringe. Soprattutto ora che nuovi e inquietanti dettagli emergono nella storia di una 52enne vittima di un agguato con l'acido sotto casa a Sant'Elena, in provincia di Padova, lo scorso 16 febbraio. È un'amica della donna a raccontare nuovi elementi nel servizio di Alessandro Politi per Storie Italiane, andato in onda stamane su Rai1.

Il racconto dell'amica

Nella versione dei fatti fornita dalla ragazza, l'aggressore avrebbe prima spruzzato in faccia alla signora uno spray urticante e poi avrebbe tentato di farle bere il liquido irritante. Se questa ricostruzione venisse confermata, vorrebbe dire che l'uomo non aveva solo l'intenzione di provocare delle lesioni, ma avrebbe agito per uccidere. Un altro elemento fornito dalla fonte anonima, sul quale gli inquirenti dovranno fare degli approfondimenti, riguarda l'orario dell'aggressione che sarebbe avvenuta alle 22.15 quando la donna rientrava dal lavoro e non alle 23.15 quando sarebbe uscita per portare fuori il cagnolino. L'auto della signora peraltro, aveva preso fuoco pochi giorni prima dell'agguato, il 21 gennaio scorso e la Procura è al lavoro per valutare se vi siano collegamenti tra questi due episodi.

Le accuse dei figli

Sempre Storie Italiane ha mostrato in diretta i resti del giubbotto della vittima rimasti sul muro del condominio dove è avvenuta l'aggressione. L'indumento infatti si è sciolto in seguito al contatto con il liquido corrosivo. Il giornalista ha anche raccolto la testimonianza dell'uomo sospettato dell'aggressione, ovvero l'ex compagno della 52enne e padre dei suoi due figli. "Il dito è puntato su di me – sono state le parole dell'uomo - perché non andando d'accordo in questi cinque anni, lei pensa che io possa avere fatto un gesto di gelosia. Ma non c'è gelosia, perché lei ha il suo uomo, non è un discorso di gelosia".

Le parole dell'ex

Nell'intervista a Rai1, anticipata dall'Ansa, l'ex compagno si professa estraneo anche ad un altro episodio persecutorio, l'incendio dell'automobile della donna. "Quando è successo - afferma l'uomo a proposito dell'aggressione con l'acido -io ero a casa, con mia mamma. Questa non è una scusante, perché uno potrebbe dire pago qualcuno per fare certe cose. L'indagine sta andando avanti, sono sereno e tranquillo, al di là dei pensieri". L'uomo ha raccontato nel servizio che è stato uno dei suoi figli a raccontargli che la madre era stata aggredita. "Papà, papà hai buttato l'acido addosso alla mamma, urlava dalla disperazione". E anche: "Non ti devi interessare di come sta la mamma, tu e lei non siete mai andati d'accordo”.

Commenti