Cronaca internazionale

L'aggressione con il martello e l'arresto: il video dell'attacco a Paul Pelosi

Il video dura poco meno di due minuti. David DePape tiene in ostaggio il marito dell'ex speaker della Camera del Congresso americano Nancy Pelosi e all'improvviso lo colpisce con un martello

L'aggressione con il martello e l'arresto: il video dell'attacco a Paul Pelosi

Ascolta ora: "L'aggressione con il martello e l'arresto: il video dell'attacco a Paul Pelosi"

L'aggressione con il martello e l'arresto: il video dell'attacco a Paul Pelosi

00:00 / 00:00
100 %
Tabella dei contenuti

Immagini crude, violente, brutali. Il filmato dell'aggressione a martellate di un presunto complottista, David DePape, ai danni di Paul Pelosi, marito di Nancy Pelosi, ex speaker della Camera del Congresso americano, dura poco meno di due minuti.

È stato reso pubblico dal tribunale di San Francisco, che lo ha rilasciato insieme a tutti i video e gli audio relativi all'intera vicenda, accogliendo così la richiesta di diverse testate giornalistiche ed emittenti americane. Il contenuto della clip registrata dalla telecamera della polizia mostra quello che gli agenti hanno visto quando Paul ha aperto la porta di casa e il suo assalitore lo ha attaccato con un martello colpendolo al cranio.

Il video dell'attacco

L'episodio risale allo scorso 28 ottobre. DePape si è introdotto nell'abitazione dei Pelosi a San Francisco, in California, con lo scopo – sembra di capire dalle ricostruzioni – di sequestrare Nancy Pelosi. La signora era fuori città e Paul, il marito, è stato tenuto in ostaggio dall'uomo. Trascorrono dei secondi infiniti.

Le immagini fanno parte delle telecamere in dotazione agli agenti addetti che presidiavano l'abitazione. Quando aprono la porta dell'abitazione trovano una scena agghiacciante: DePape e Pelosi sono in piedi, con il primo che minaccia di colpire il secondo con un martello. Segue una breve colluttazione fino a che Paul viene improvvisamente colpito alla testa.

L'aggressore viene subito immobilizzato dalla sicurezza. Si scoprirà, sostengono i media statunitensi, essere un fanatico di estrema destra e cospirazionista. DePape stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio e aggressione, ma si è dichiarato innocente.

L'aggressione e l'arrivo della polizia

Il video mostra due agenti andare verso l'ingresso dell'abitazione, bussare con insistenza. La porta si apre e appare Pelosi, in pigiama, senza pantaloni, a piedi scalzi, tenuto per un braccio da DePape, in piedi accanto a lui e con in mano un martello. "Getta a terra il martello", dice uno degli uomini della polizia, DePape prima risponde di no, poi si avventa su Pelosi, che tenta di scappare.

Il momento in cui il marito della ex speaker viene colpito non si vede. La telecamera inquadra i corpi dell'aggressore e della vittima stesi sul pavimento, a cui seguono i momenti concitati dell'arresto del folle. "Non ho intenzione di guardare il video dell'aggressione a mio marito", ha commentato l'ex speaker.

Il piano di DePape

Pelosi, 82 anni, è in via di guarigione dopo un breve periodo in ospedale e un intervento chirurgico per ricomporre una frattura al cranio. L'aggressore, come documentano altre immagini registrate dalle telecamere di sicurezza dell'abitazione, era riuscito a entrare in casa Pelosi dopo aver preso a martellate la porta dell'ingresso secondario, e senza che nessuno se ne fosse accorto.

Sarà lo stesso Pelosi a dare l'allarme, chiamando il 911, il numero delle emergenze. L'obiettivo di DePape, come ha ammesso lui stesso, era in realtà quello di sequestrare la speaker della Camera, per sottoporla a un "processo sommario", il cui epilogo non è chiaro. In ogni caso la donna non sarebbe stata l'unico obiettivo della sua lista, che comprendeva altri esponenti democratici.

Commenti