Cronaca locale

Sequestrata la droga pronta per il Natale

I carabinieri hanno tratto in arresto due donne insospettabili, madre e figlia incensurate di 65 e 49 anni

Sequestrata la droga pronta per il Natale

Maxi sequestro di droga messo a segno dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Napoli, che sono riusciti a bloccare un importante carico destinato ad alimentare le principali piazze dello spaccio proprio nel periodo natalizio.

L'operazione si è compiuta con un blitz improvviso, scattato proprio nella mattinata di oggi a Castel Volturno, in provincia di Caserta. A finire nel mirino dei militari una villetta in cui vivevano due donne in apparenza insospettabili, vale a dire madre e figlia incensurate rispettivamente di 65 e 49 anni.

Una volta raggiunta l'abitazione, gli uomini dell'Arma hanno iniziato un lungo e complesso lavoro di perquisizione che li ha portati, dopo ore di ricerche, a mettere sotto sequestro ben 560 chilogrammi di hashish, che sarebbero presumibilmente serviti a rifornire gli spacciatori di droga della Campania nel prolifico periodo di Natale.

Lo stupefacente, già suddiviso in panetti, è stato occultato all'interno di numerose buste di plastica con chiusura a lampo, poi stoccate in varie zone della villetta. Nonostante l'accuratezza del confezionamento, come hanno riferito gli stessi carabinieri del comando Provinciale di Napoli, l'intera abitazione era pervasa da un pungente odore di hashish che non ha lasciato spazio a dubbi nel momento della perquisizione.

Per le due donne, originarie di Napoli ma da tempo domiciliate nella provincia di Caserta, sono quindi scattate le manette: tratte in arresto, madre e figlia sono state quindi condotte nel penitenziario femminile di Pozzuoli, dove restano a disposizione della competente Autorità giudiziaria. Secondo quanto riferito dagli inquirenti, la suddivizione in dosi dello stupefacente e lo spaccio al dettaglio avrebbe potuto fruttare almeno 3 milioni di euro: un duro colpo, quello inferto quest'oggi dagli uomini dell'Arma alla criminalità organizzata.

Commenti