Cronaca locale

Troppi turisti, scattano senso unico e semaforo anche per i pedoni

A causa dei numerosi turisti e della conformazione di alcune zone del centro storico, a Napoli è stato varato temporaneamente un senso unico valido anche per i pedoni: non sarà quindi possibile percorrere contromano alcune vie, nemmeno a piedi

Troppi turisti, scattano senso unico e semaforo anche per i pedoni

Troppi turisti e visitatori, in un'area che da sempre a ridosso del Natale fa registrare un incremento sostanziale, sotto questo aspetto specifico. E per queste ragioni, l'amministrazione comunale di Napoli avrebbe istituito un senso unico per i pedoni nell'area di San Gregorio Armeno, regolato da una sorta di semaforo. Un'ordinanza che il sindaco Gaetano Manfredi aveva preannunciato nelle scorse settimane, che dovrebbe restare in vigore sino al termine delle festività natalizie. L'obiettivo del provvedimento, stando a quanto riportato dal quotidiano Il Mattino, sarebbe quello di evitare che i flussi turistici ingolfino il centro storico, rendendo difficoltoso il passaggio. Anche perchè la conformazione delle strade, che si dipanano spesso in vicoli piuttosto stretti, rischiava sulla carta di dare adito ad una situazione di vero e proprio caos.

E così, la zona di San Gregorio, presa d'assalto in questo periodo dell'anno soprattutto per quel che concerne i tradizionali presepi, è percorribile a piedi in un solo senso di marcia. L'affluenza riscontrata nelle scorse ore avrebbe peraltro già reso necessario il ricorso al semaforo, oltre al controllo dei trenta agenti della polizia municipale che presidiavano le zone più affollate del centro storico: ieri è scattato il primo "semaforo rosso", quando nella tarda mattinata l’ufficiale della municipale deputato al coordinamento dei servizi si è visto costretto a disporre l’interdizione temporanea dei flussi pedonali in corrispondenza dell’intersezione fra via San Biagio dei Librai e via San Gregorio Armeno, a causa della calca. Tante quindi le persone che hanno passeggiavano per le strade in questione, curiosando fra le varie statuette artigianali del presepe: c'era chi si è incuriosito davanti a quelle che raffiguravano il presidente del consiglio Giorgia Meloni e chi, come alcuni turisti coreani, hanno messo gli occhi su quelle del difensore del Napoli Kim, fresco di qualificazione agli ottavi di finale dei Mondiali con la sua Nazionale.

La misura ha suscitato reazioni contrastanti: c'è chi la reputa utile e chi la considera invece del tutto inefficace. Il bilancio però verrà stilato più avanti e per il momento, Manfredi difende la scelta. "Sempre più turisti scelgono Napoli come meta. I numeri del rapporto Bankitalia confermano il record di presenze straniere - ha spiegato Manfredi in un posto pubblicato sulla sua pagina Facebook istituzionale - per questo, anche in vista del Natale, stiamo facendo un lavoro molto intenso, sia in termini di proposta che di organizzazione dei servizi, per garantire una serena convivenza tra crescita turistica e qualità della vita dei cittadini, conservando l'identità della città".

Commenti