"All'inizio avremo poche dosi". Ecco a chi andranno i primi vaccini

Il ministro Speranza: “Le prime andranno a medici e anziani. Dovrà essere gratuito”

Il ministro della Salute Roberto Speranza, in una intervista al Corriere della Sera, ha parlato del vaccino tanto atteso. “Non so quale sarà il giorno e quale il vaccino giusto, ma penso che il traguardo non sia troppo lontano. Il contratto con AstraZeneca prevede le prime dosi a fine anno".

A chi andranno le prime dosi di vaccino

Ha inoltre spiegato che inizialmente si avranno poche dosi, due o tre milioni, e il problema principale sarà decidere a chi darle. La proposta del ministro è che il vaccino sia gratuito e che venga dato prima agli operatori sanitari e agli anziani con patologia, in particolare agli ospiti delle Rsa. Speranza ha detto di essere ottimista e di vedere finalmente la luce in fondo al tunnel, anche se crede che l’autunno non sarà facile e si dovrà usare ancora la massima cautela. Il livello di attenzione dovrà essere tenuto ad altissimo livello fino all’arrivo del vaccino. E sul vaccino antinfluenzale ha assicurato che non mancano le dosi.

Anche se, ha sottolineato il ministro, adesso la situazione in Italia è diversa da quella di altri Paesi europei. Per questo motivo ha smentito la voce di un possibile nuovo lockdown. Anzi, l’idea sarebbe proprio quella di riaprire, anche le scuole. “Ci sono le condizioni per riaprire in sicurezza tutte le scuole a settembre. Le linee guida approvate all’unanimità con Regioni, Province e Comuni ci dicono cosa fare in presenza di positivi o focolai. Il Paese deve fare ancora passi avanti e riaprire la scuola è la cosa più importante” ha asserito Speranza che ha anche aggiunto che sicuramente ci saranno casi positivi. L’auspicio è che siano pochi e questo dipenderà anche dalla capacità di rispettare le tre regole fondamentali: mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani. Si è detto inoltre convinto che il governo riuscirà a dare 11 milioni di mascherine alle scuole.

La colpa è del Cts

Sul fatto che i verbali del Comitato tecnico scientifico abbiano svelato che il Piano del governo per l’emergenza Covid esisteva, e che il governo lo aveva invece smentito, il ministro ha detto: “Non era un piano, ma uno studio in itinere su scenari potenziali e diversi tra loro, iniziato dai nostri scienziati a metà febbraio e completato a marzo”. Ha poi sottolineato che quel documento non è mai stato secretato dal governo, ma che fu il Cts a scegliere il vincolo di riservatezza. Nessun buco decisionale per Speranza, ma piuttosto un merito fare quello studio. Che però non è stato del tutto applicato. Ma anche qui Speranza ha la risposta più o meno pronta, asserendo che qualcosa è stato applicato, altre valutazioni no perché erano solo ipotetiche. Sulla possibile sconfitta alle regionali, il ministro adduce la colpa al fatto che in molte regioni la maggioranza sia divisa. “Governare insieme il Paese ed essere divisi nei territori è un limite che va assolutamente superato. Il mio auspicio è che gli elettori siano migliori di noi e facciano nelle urne quello che noi non siamo riusciti a fare prima” e questa è la speranza anche del centro-destra.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

capi_tan_iglu

Dom, 06/09/2020 - 10:17

A chi c'ha soldi...

manson

Dom, 06/09/2020 - 10:19

Cioè dopo avere fatto strage nelle RSA ora vogliono usare questi poveri anziani spesso senza famiglia per fare da cavia? Se lo facessero i politici i loro genitori e i loro figli e poi ne riparliamo

Mborsa

Dom, 06/09/2020 - 10:52

Il vaccino è un falso obbiettivo, prima che metta al riparo la popolazione occorre somministrare almeno 40 milioni di dosi. Nell’ipotesi più favorevole impegnerà il SSN per tutto il 2021 , costera’ qualche miliardo e grandi disagi (ricordate i ritardi per eseguire le vaccinazioni l’anno scorso?).

Boxster65

Dom, 06/09/2020 - 13:33

Secondo me chi non fa il vaccino rischia molto mi meno di chi si fa inoculare un liquido che è stato sviluppato di corsa. Magari sviluppa gli anticorpi subito ed un bel tumore a scadenza. Chissà poi tra qualche anno qualcuno dirà che purtroppo c'è stato un errore nello sviluppo del vaccino..

divenire

Dom, 06/09/2020 - 13:34

Manson 10:19, Guarda che se danno il vaccino la fase sperimentale è passata. Si tratta di favorire per prime le persone con maggior rischio. Se tu non lo vuoi è una buona notizia per chi aspetta di farlo al più presto per uscire da questa situazione. Speriamo che siano molti quelli che la pensano come te.

divenire

Dom, 06/09/2020 - 13:41

Mborsa - 10:52 . E' un falso obbiettivo? Guarda che tutti i paesi del mondo stanno cercando di raggiungere per primi questo obbiettivo. Che poi ci voglia tempo per risolvere definitivamente il problema è un altro discorso.

Ritratto di Adespota

Adespota

Dom, 06/09/2020 - 16:00

Se funziona come per le mascherine i primi ad essere vaccinati saranno i cari, anzi carissimi clandestini...

AH1A

Dom, 06/09/2020 - 16:07

Quando si prende un aereo ti dicono FORTE e CHIARO che prima di aiutare chi è accanto a te DEVI proteggerti tu. Altrimenti rischi di morire tu e chi vuoi aiutare. Che notizia fessa!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 06/09/2020 - 16:22

Stanno correndo troppo le case farmaceutiche;non si riesce a capire questa corsa al vaccino o febbre dell'oro. Si spera che i fautori del vaccino dimostrino pubblicamente tutti i rischi ed i benefici per chi dovrà essere vaccinato,con l'auspicio che le case produttrici abbiano seguito il protocollo ministeriale previsto per essere approvato.Le case farmaceutiche concorrenti di tutto il mondo stanno accelerando sulla produzione di un vaccino valido accorciando i tempi la sperimentazione su cavie; con la premessa che nessun vaccino è sicuro al 100%. Speriamo bene...