Altro che Belli Ciao. La resistenza la fanno medici e infermieri

A Parma ci hanno provato salvo fare retromarcia dopo la nostra denuncia - a dare gli aiuti del decreto Coronavirus solo a chi aveva firmato un'autocertificazione di antifascismo

A Parma ci hanno provato salvo fare retromarcia dopo la nostra denuncia - a dare gli aiuti del decreto Coronavirus solo a chi aveva firmato un'autocertificazione di antifascismo; l'Associazione partigiani d'Italia ha già annunciato che per il 25 Aprile ci si dovrà affacciare alle finestre e cantare Bella Ciao. Cari partigiani e antifascisti, fatevene una ragione: il virus non è fascista, non è antifascista e, secondo me, ride alla grande della vostra stupidità. E ci ha fatto pure il regalo uno dei pochi - di liberarci, per la prima volta nel Dopoguerra, della retorica del 25 Aprile, quantomeno della sua rappresentazione fisica nella quale, peraltro, non c'è più un partigiano a pagarlo oro.

La norma introdotta a suo tempo dal sindaco di Parma (nessun contributo pubblico se non certifichi che aderisci ai valori della Resistenza) mostra oggi tutta la sua inutile demagogia. Non ci voleva molto a capirlo, come non ci vuole molto a capire che, eventualmente, i resistenti oggi non sono quelli che cantano Bella Ciao, ma gli infermieri e i medici che combattono negli ospedali, gli uomini delle forze dell'ordine che pattugliano le città deserte, gli imprenditori e i commercianti che lottano per sopravvivere, molti dei quali peraltro votano convintamente i partiti del centrodestra.

Per cui, cari finti partigiani, giù le mani dal Coronavirus. Questa volta «l'invasore» che una mattina ha sorpreso Bella ciao è il nemico di tutti, Salvini compreso. Ma, più in generale, direi: adesso basta con questa farsa del fascismo e dell'antifascismo che ha avvelenato l'aria dal Dopoguerra a oggi. Non c'è nessuna minaccia in corso, nessuna pace da sottoscrivere, lasciamo ai trascurabili e opposti estremismi la convinzione di essere ancora in guerra, che il codice penale basta e avanza per tenerli sotto controllo. Ci sono migliaia di vite da salvare e un Paese da ricostruire e serve altro che non giocare a fare i reduci, come ai tempi fatte le debite proporzioni e in condizioni assai più serie - avevano ben capito anche Togliatti e De Gasperi.

Se Parma vuole davvero essere la capitale della Cultura italiana 2020 cancelli definitivamente quella norma oscurantista e illiberale. E quanto al 25 Aprile, se abbiamo sospeso messe, Olimpiadi e concerti...

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Dom, 05/04/2020 - 17:21

certissimo..e quelli che lavorano seraimente nelle loro attiovita' permesse..tipo giornalismo..senza lanciare ogni giorno bufale..accuse e fango...quelli non sono eroi..direi piuttosto..sciacalli

maurizio.fiorelli

Dom, 05/04/2020 - 17:31

Bravo signor direttore, e grazie di smascherare definitivamente un'associazione che non ha più luogo di esistere.

marinaio

Dom, 05/04/2020 - 17:48

Lolololorenzovan, e allora invece di leggere gli "sciacalli", perché non vai su Repubblica, così siamo contenti tu e noi?

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 05/04/2020 - 18:00

Non sanno quello che dicono e sperano in ciò che non esiste. Quando si trovano in difficoltà si inventano il "Fascismo", che é morto con Mussolini a Milano nel 1945. Salvini, Meloni e Berlusconi non sono Fascisti e se c'é qualcuno che ancora crede nella rinascita di un sistema sconfitto e distrutto lo fa sperando di poterne trarre vantaggio a sinistra. I dati dicono che i fascisti sono meno dell'1% degli Italiani.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 06/04/2020 - 10:37

X lorenzovan: da piccoli giocavamo a guardie e ladri, i più di noi poi, crescendo e maturando, si sono dedicati ad attività più o meno utili alla società. Altri invece, quelli come te, si sono fermati a quei tempi beati e spensierati, e non volendo apparire ancora come bambini che giocano, vi siete dedicati anima e corpo al "gioco" dell'antifascismo, dall'icona puerile delle "guardie" vi siete evoluti nell'identificarvi con i partigiani che combattono contro i nazifascisti. Cambia ritornello, cresi se sei ancora in tempo.

Trinky

Lun, 06/04/2020 - 10:37

lorenzovan.......andate a cantare bella ciao davanti ai cimiteri quando arrivano le colonne di camion militari per scaricare le bare oppure sotto i balconi dei parenti di questi morti! E come mai il vostro capo non ci dice dove è stato curato?

ulio1974

Lun, 06/04/2020 - 11:17

ma davvero esiste a Parma una norma che preveda nessun contributo pubblico se non certifichi che aderisci ai valori della Resistenza?? Ma non è illegale?? Gli orientamenti politici non sono cosa di privacy?? Nessuno ha esposto denuncia??

DRAGONI

Lun, 06/04/2020 - 11:30

L'ANTIFASCISMO DI FACCIATA RENDE MONETARIAMENTE A CHI LO PRATICA .NON DIMENTICHIAMO CHE LO STATO FORAGGIA GLI ANTIFASCISTI DELL'AMPI CHE QUINDI HANNO LA NECESSITA' DI RENDICONTARE OGNI ANNO IL COME E SE SPENDONO FINO ALL'ULTIMO CENTESIMO IL FORAGGIO PENA NON VEDERSELO RINNOVARE L'ANNO SERGUENTE PARZIALMENTE O TOTALMENTE SE NON VIENE IMPIEGATO "VISIBILMENTE".

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 06/04/2020 - 11:33

X ulio1974: fosse solo un problema di privacy .... qui c'è di peggio, di molto peggio, c'è in ballo una mentalità "fascistocomunista" che permea tutta l'Emilia-Romagna e che è dura a morire.

sparviero51

Lun, 06/04/2020 - 12:15

IL COMUNISMO STA CERCANDO DI DEPURARSI IN TUTTO IL MONDO LASCIANDOCI PERÒ QUESTE SCORIE !!!

LUCATRAMIL

Lun, 06/04/2020 - 12:47

Nel libro M figlio del secolo, si impara che dopo la guerra '15-'8 i social-comunisti volevano portare la rivoluzione in Italia, ovviamente con atti di violenza a cui si contrapposero essenzialmente reduci, all'inizio, che andarono a formare il movimento fascista. Il primo fascio di combattimento le creò Pietro Nenni, oggi considerato pilastro del socialismo; guarda caso, anche Mussolini era socialista. Purtroppo entrambe le parti, invece di discutere, si comportarono da bulli o da camorristi, continuando la violenza, muro contro muro. Oggi c'è ancora chi contesta le opinioni altrui non col ragionamento ma dandogli del fascista tout court, e non si tratta certo di Meloni e Salvini (FI non la considero nemmeno).

manfredog

Lun, 06/04/2020 - 13:29

...il fatto che siano rimasti al "bella ciao", della cui vera storia pochissimi di loro sanno (oltre che della vera storia del cosiddetto comunismo), dovrebbe far capire subito, a chi ragiona almeno un po' con la propria testa, dopo essersi informato dalle più varie fonti possibili, che livello inconsistenza abbiano raggiunto i sedicenti sinistri, compresi nelle più o meno avariate sigle, e che speranze avremo per il futuro se ci affideremo a loro!! mg.

aladinolombardi

Lun, 06/04/2020 - 13:34

Certamente il Sallusti non conosce la nobile storia del 25 aprile 1945 – giorno della Liberazione dal nazifascismo. Ricordo al Sallusti che molti giornalisti hanno dato la vita per la libertà di tutti noi, compresa quella di cui, grazie a loro, gode e come lui anche tutti coloro che continuano a scrivere enormi stupidità sul 25 aprile. Ricordo al Sallusti che a Roma abbiamo le Fosse Ardeatine che sono Patrimonio dell’Umanità e che raccolgono le spoglie di 335 martiri per la libertà dove sono presenti civili di tutte le professioni, militari, religiosi, insieme ad un fascista della prima ora poi riconosciuto combattente per la libertà. Forse sarebbe utile a tutti aprire un libro di storia e la Costituzione della Repubblica Italiana, ad iniziare dal Sallusti, e contestualizzare i fatti storici. L’ANFIM desidera infatti esprimere il proprio cordoglio e la propria vicinanza a tutti coloro che ci hanno lasciato a causa del Covid19. Il Presidente ANFIM, Aladino Lombardi

GPTalamo

Lun, 06/04/2020 - 14:09

Caro Sallusti, non chiamateci eroi. Noi medici visitiamo i malati di COVID perche' fa parte del nostro lavoro, e come tutti, dobbiamo guadagnare il nostro salario. Si tratta di onesta' e responsabilita', non eroismo. I veri eroi sono quelli che lo fanno solo per altruismo, e senza aspettarsi ricompense da nessuno.

GPTalamo

Lun, 06/04/2020 - 14:13

Un secondo commento: quando l'associazione partigiani ci esorta a cantare Bella Ciao il 25 aprile, come vuole che definiamo "l'invasore" nella canzone? E' il COVID, gli immigrati, l'UE, o Salvini? No, perche' i tedeschi non ci sono piu' a comandare in terra nostra (lo fanno da lontano ora.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 06/04/2020 - 14:23

Caro presidente ANFIM, sicuramente Sallusti conosce molto bene la nobile storia del 25 aprile 1945, sono sicuro che conosca molto bene anche la storia di tutti i martiri, giornalisti compresi, che hanno contribuito a liberare il nostro paese dalla morsa del nazifascismo. Sono altrettanto sicuro che conosca molto bene anche la storia delle fosse Ardeatine fin dall'inizio, a partire dalla via Rasella fino ai criteri discriminatori utilizzati per la scelta di chi doveva essere giustiziato. Orbene sappi che occorre, finalmente, di sforzarsi a leggere la storia di quegli anni bui con un minimo di distaccamento dall'emotività e, soprattutto dall'ideologia. Una lettura che forse ti potrà aprire gli occhi su una semplice realtà, cioè che moltissimi di quei martiri che col loro sacrificio hanno permesso a noi di godere dall'attuale libertà, sono morti per liberarci da un totalitarismo in essere, non certo per sostituirlo con uno, non certo migliore, di stampo stalinista.

Cheyenne

Lun, 06/04/2020 - 14:23

Direttore, lei parla ai mulini a vento; i finti partigiani speculano e lucrano su queste pagliacciate dal 25 aprile al 1 maggio. Non sono redimibili, sono teste di legno.

lorenzovan

Lun, 06/04/2020 - 14:31

trinky..marinaio.. siate andati ieri a messa e oggi a fare la spesa e a passeggiare..??????.

barnaby

Lun, 06/04/2020 - 14:35

Su un altro quotidiano ho letto il commento di un lettore che qui volentieri trascrivo : il comunismo è il mostro più lungo del mondo, ha la testa in Cina, i piedi in Venezuela e i cogl..ni in Italia.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 06/04/2020 - 14:45

75 anni fa i nazifascisti abbandonarono la Linea Gustav e la Linea Gotica sopraffatti dalla preponderanza numerica di mezzi e soldati che i loro avversari disponevano. Oggi è venuto il tempo che anche i collaboratori dei vincitori devono abbandonare il fronte sopraffatti da un nemico implacabile: lo scorrere del tempo che simile alla goccia d'acqua scava e estingue la pietra.

lavitaebreve

Lun, 06/04/2020 - 14:54

IO RINGRAZIO GLI AMERICANI.

lavitaebreve

Lun, 06/04/2020 - 15:01

IL GIORNO PRIMA TUTTI FASCISTI, IL GIORGIO DOPO TUTTI COMUNISTI. E DA LÌ È COMINCIATA TUTTA LA FALSITÀ E L'IPOCRISIA DEI SINISTRI.

dagoleo

Lun, 06/04/2020 - 15:43

....sospenderemo molto volentieri anche il 25 aprile. Ciao Belli.

man73

Lun, 06/04/2020 - 15:50

@lorenzovan. E lei indica ha fatto il giro giornaliero di tutti mi blog in cui scrive? Quello dove lei tifa Samp, quello dove invece tifa Roma e quello dove tifa Juve, quello dove scrive dal Portogallo e quello dove invece scrive dalla Svizzera, quello dove è un immobiliaristi in pensione e quello dove è un medico, quel o dove è un partigiano e quello dove invece non lo è? Deve essere penoso non avere una vita propria e inventarsene mille nella rete

ex d.c.

Lun, 06/04/2020 - 15:53

Tra i patrioti mettiamo in prima linea anche chi ha finanziato la costruzione e la realizzazione di nuovi ospedali e di materiali di supporto. Chi canta 'bella ciao probabilmente non ha fatto niente per nessuno

gedeone@libero.it

Lun, 06/04/2020 - 16:10

E questo Sindaco dicano sia tra i più intelligenti tra i 5S. Figuriamoci gli altri!

gedeone@libero.it

Lun, 06/04/2020 - 16:24

Voi belli ciao non avete liberate un bel niente, anzi, volevate portarci in un regime anche peggiore del fascismo. I veri nostri liberatori sono stati gli Alleati, Americani in testa.

killkoms

Lun, 06/04/2020 - 18:04

Se la cantano e se la suonano da soli!

MPbin

Lun, 06/04/2020 - 18:52

Condivido ogni parola dell’articolo. Questa storia dell’antifascismo oggi serve solo a certi omini per avere qualche cosa da dire. Altri contenuti zero

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 06/04/2020 - 19:32

@killkoms - si, purtroppo si, lo fanno da 100 anni e più.

porcorosso

Lun, 06/04/2020 - 19:59

Tutti a casa: Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e 1° Maggio (festa che se non sbaglio anche celebrata dall'NSDAP). Quanto a coloro che hanno liberato l'Italia il 25 Aprile, facciano un paio di ricerche e si chiedano a quale distanza in quel giorno l'Armata Rossa (i loro alleati, con milioni di caduti) si trovava dal Reichstag. Magari sbaglio, ma secondo me il nazifascismo (non le dittature perchè Stalin è rimasto) è stato sconfitto dal potere economico americano e dal sacrificio umano dei sovietici: i nostri partigiani hanno forse avuto un ruolo, sì, ma marginale.

Cosean

Lun, 06/04/2020 - 20:04

Io lavoro in una Clinica privata come Receptionist e sono a contatto con chiunque entra in ospedale pazienti Covid e no covid, oltre che a Medici, Infermieri ed Ambulanzieri. Posso cantare "Bella Ciao"? La Resistenza la fa anche chi rimane a casa malvolentieri, per non contagiare e non essere contagiato. Smettetela con i Fake. Ci sono molti modi di fare Resistenza

Sabino GALLO

Mar, 07/04/2020 - 14:04

Caro Direttore, Lei è troppo generoso ! ! Perhé ricordare sempre quelli che non possono e non vogliono capire !! Meglio non ricordarli !

Claudio Antonaz

Mar, 07/04/2020 - 14:22

Ma quale "liberazione"... Fu una sconfitta nazionale, nel disonore, con la perdita di una parte del nostro prezioso territorio nazionale. Vi fu una guerra civile. Metà Europa cadde sotto la dominazione comunista... Quante lacrime, terrore, morti causo' questa "liberazione"... Un bilancio che dia conto, ad esempio, per l’intera Jugoslavia, degli eccidi e delle morti in prigione dei tanti uomini di chiesa vittime della "Liberazione" e dei suoi postumi è molto pesante: interrogatori condotti dall'Ozna, processi popolari, e inoltre provocazioni, vessazioni, minacce, azioni di disturbo talvolta durante le processioni o le messe. Si tolse il crocefisso nelle scuole e si abolì l'insegnamento della religione. Ben presto si eliminò "il giorno di Natale come giorno festivo" (fu rispristinato nel 1990). Anche la Pasqua fu abolita... Tra le altre sanzioni imposte: “In carcere per dispregio i frati francescani detenuti in Istria dovevano scrivere Dio con la d minuscola".

Giorgio1952

Mar, 07/04/2020 - 16:16

Sallusti certo "il virus non è fascista, non è antifascista", ma dire “che ci ha fatto pure il regalo di liberarci, per la prima volta nel Dopoguerra, della retorica del 25 Aprile”, è una bestialità senza pari. Essere stati liberati dal nazismo e dal fascismo, aver messo fine ad una guerra mondiale che ha fatto milioni di morti, ad una guerra civile nel nostro paese è retorica? Io non credo che il virus possa ridere “alla grande della vostra stupidità”, riferita a partigiani ed antifascisti ma a quella del sindaco di Parma sicuramente per non parlare di quella del “credente” Salvini che vuole celebrare la messa pasquale e la accosta al Cuore Immacolato di Maria, che non centra assolutamente nulla.

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 07/04/2020 - 17:06

Egregio Direttore, un giorno, spero non lontano, la storia rimetterà le cose a posto. Non c'è niente di peggio di quando fra le pieghe ci si insinua il comunismo...eccolo là, il salvatore della Patria. Coloro che si macchiarono di atrocità mai venute a galla completamente, con un'opera sottile, continua, fatta di grandi menzogne e piccole verità, hanno costruito un libro di storia per catechizzare le giovani generazioni ed asservirle alle loro peggiori ideologie. Dicevo, speriamo presto si riesca a ricostruire la vera verità...

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 07/04/2020 - 17:18

X Giorgio1952: non sei solo ottenebrato dall'ideologia, sei anche analfabeta di ritorno perché è evidente che tu non sei capace di comprendere quello che leggi: dire che il virus ci ha liberati dalla "retorica del 25 Aprile" non significa affatto disconoscere l'importanza e il significato che quella data riveste per tutti gli italiani, anzi, significa valorizzarla, liberandola dagli orpelli ideologici mantenuti ad arte da chi non riesce ad ammettere che la liberazione dal nazifascismo non solo è stata combattuta da partigiani di ogni ideologia, ma è stata determinata dall'apporto degli anglo-americani, grazie ai quali il nostro paese non è precipitato in un'altra dittatura, non più nera, ma rossa, dittatura che quelli come te avrebbero voluto instaurare a guerra finita. Fortunatamente vi è andata male, fatevene una ragione.

Giorgio1952

Mer, 08/04/2020 - 11:04

scimmietta meno male che c'è lei essere illuminato, ma maleducato e offensivo. Analfabeta di ritorno può tenerlo per se e si rivolga a chi non conosce dando del lei, non sono suo compagno di merende ne tanto meno di nessun partito politico. Certo dire che il virus ci ha liberati dalla “retorica del 25 aprile” e che se la “ride alla grande della vostra stupidità”, riferita a partigiani e antifascisti, significa valorizzare l’importanza della data; il termine retorica ha anche un significato spregiativo, ovvero “modo di scrivere e di parlare ampolloso, enfatico e sostanzialmente vuoto, privo o povero di impegno intellettuale, civile e morale”. In quanto alle dittature non fanno parte della mia cultura di liberaldemocratico.