Auguri Colao, ma ricordi il "Corriere"

l governo si è auto-commissariato chiamando al capezzale dell'Italia un bravo medico, il manager di lungo corso Vittorio Colao

Il governo si è auto-commissariato chiamando al capezzale dell'Italia un bravo medico, il manager di lungo corso Vittorio Colao, che insieme a una squadra di esperti super titolati proverà a fare ripartire il Paese. Auguri sinceri a Colao, ma gli consiglierei di non farsi soverchie illusioni. La politica è una brutta bestia e la burocrazia statale una palude, per credere chiedere a grandi imprenditori ed esperti di successo, che si sono cimentati nella pratica, da Silvio Berlusconi a Carlo Cottarelli. Il primo ha resistito eroicamente per vent'anni e l'ha pagata cara, il secondo - che avrebbe dovuto risolvere il problema del debito pubblico e ne sono certo ne aveva le capacità - ha gettato la spugna un attimo prima di essere massacrato. Non sono nessuno per dare un consiglio a Colao, uno che è uscito a pieni voti prima dalla Bocconi e poi da Harvard, che ha scalato posizioni dentro giganti della finanza tipo Morgan Stanley e McKinsey e che ha diretto il traffico di Vodafone in Europa. Ma se mi è permesso, Colao dimentichi questi titoli e si concentri sull'unico neo della sua brillante carriera. Per carità, un piccolo neo quale è stata la sua breve e non entusiasmante esperienza al Corriere della Sera, meno di due anni, dal 2004 al 2006.

Il Corriere di allora lo si può tranquillamente paragonare alla politica: una piovra che ti avvolge e ti stritola.

Ci sono i giornalisti che pensano di essere degli dei intoccabili, i manager che da decenni fanno le stesse cose sbagliate e non sanno fare altro, i sindacati che spadroneggiano, i privilegi intoccabili, le posizioni di rendita, le serpi in seno e i veleni sparsi a piene mani. Un mix che costrinse alla resa anche Colao, arrivato in via Solferino con le migliori intenzioni (e capacità).

Lei è una persona troppo a modo per certi ambienti. Glielo dico, egregio dottor Colao, perché in quegli anni avevo frequentato il Corriere e oggi, mio malgrado, frequento la politica: la aspetta una cosa uguale nelle dinamiche ma moltiplicata per mille negli effetti. Lei rischia davvero, da ieri sta sulle palle a tre quarti della politica e al 90% dei grandi burocrati che hanno le leve del comando, senza contare che i giornalisti la aspettano al varco con il pugnale in mano. Dimentichi Harvard e tenga in considerazione la massima di Rino Formica: «La politica è sangue e merda». Quindi, oltre a illustri cattedratici - altro consiglio non richiesto - si metta in squadra un paio di picchiatori e figli di buona donna in grado di farle da guardaspalle, altrimenti non ne uscirà vivo.

Comunque, dottor Colao, auguri di buona Pasqua e soprattutto di buon dopo Pasqua (e auguri a tutti voi, cari lettori).

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Altoviti

Lun, 13/04/2020 - 10:09

Caro direttore: attenzione perché gli esperti ed i tecnici, spesso, sono una scusa per scavalcare la democrazia. NOTA: vedo che ci sono articoli in inglese sul Giornale, non trovo che sia giusto: siamo in Italia, ripsettate la notra lingua.

scurzone

Lun, 13/04/2020 - 10:35

Altoviti rispetti l'Inglese! Comunque penso che un tecnico valga di piu' di qualsiasi politico. Speriamo che i burocrati battano in ritirata. La democrazia? Ci vogliono bravi politici per avere una buona democrazia, e attualmente non ne vedo, a parte qualche governatore di Regione.

VittorioMar

Lun, 13/04/2020 - 10:49

...tutto Bello..tutto Giusto ma CHI PAGA ?...e tutti gli altri cosa rimangono a fare ?...altri Luminari Illuminati a Consulto su un degente in coma irreversibile....molto più semplice ITALEXIT da "Casa di Tolleranza" UE...che protegge PARADISI FISCALI NORDICI OSTILI....

Ritratto di perri2008

perri2008

Lun, 13/04/2020 - 10:51

Sig. Sallusti, condivido questa e tante sue analisi. Mi chiedo una volta per tutte se qualcuno può elencarci dove e come i grandi burocrati frenano, limitano, stravolgono anche le buone intenzioni dei governanti e dei legislatori. Possibile che nessuno possa fermare questo status-quo? Se non c'è a suo tempio riuscito Berlusconi con la sua potenza di fuoco chi riuscirà mai?

Yossi0

Lun, 13/04/2020 - 11:25

è curioso come in questo paese le persone capaci hanno vita corta e mi viene in mente oltre a quelli citati nell'articolo, la Sig.ra Ilaria Capua, massacrata dell'Espresso e a seguire dalla magistratura che non poteva mancare, salvo poi consultarla tutti i giorni. Bello poi avere dei "mancati dottori" magari con il diploma triennale spacciato per laurea, che si credono statisti e conducono purtroppo questo paese verso il tramonto

Ritratto di Cali85

Cali85

Lun, 13/04/2020 - 11:53

Secondo me Sallusti ha ragione da vendere! Questo Sig. Colao sono certo che aavrà tutte le migliori intenzioni e, dentro di se , si sentirà la forza di ribaltare tutto quanto, perchè ancora non sa dove è finito. Per certo saprà che per sapere il suo futuro, il proprio destino, basterà esaminare,con cura, il nostro passato, anche solo degli ultimi 10 anni, per capire che non ce la farà mai e sarà il solito "paravento" messo lì "Ad Usum Delphini" !!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 13/04/2020 - 12:05

Cos'è, una barzelletta? Nella nostra Repubblica, fondata sul lavoro (e non sulla libertà) è impossibile un dittatore con pieni poteri. La carta infatti di poteri ne prevede una miriade, equipollenti affinchè nessuno prevarichi: PdR, PdCdM, Camera e Senato, magistratura, Comuni, Province e Regioni, uno squadrone di ministri e sottosegretari. In più una pletora di poteri, deboli e forti, esterni alle istituzioni pubbliche: banche, giornali, confindustria ed altri più oscuri ma non meno potenti, come partiti e sindacati e Chiesa Cattolica. L'elettorato non è un potere e neanche una risorsa, è un rito.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 13/04/2020 - 12:13

colao durerà quanto una farfalla, se non gli è dato permesso di fare quanto richiesto dalla situazione eccezionale. in una situazione eccezionale e drammatica, vi è bisogno di un uomo eccezionale. colao non lo è ! non ha neppure carisma..... :-) comunque, sono cose che lasciano il tempo che trovano, le soluzioni di conte....

MOSTARDELLIS

Lun, 13/04/2020 - 12:17

Io non conosco Colao e quindi non posso giudicare la persona. Mi permetto però di giudicare il sistema, vale a dire di affidare ad una persona le sorti dell'Italia, mantenendo inalterato tutto il sistema marcio dalle fondamenta. Il comitato che ha organizzato questo signore non ha neanche un esperto, sono tutti raccomandati, quindi che lavoro volete che possa fare? L'unica soluzione, ma Mattarella e Conte e il PD non l'hanno voluta era Draghi, il quale conosce di economia e conosce a menadito il sistema lercio di "Bruxelles". Soltanto lui ci avrebbe potuto dare una mano. Ma si sa... in Italia comanda la sinistra che ha perso le elezioni e sappiamo di chi è la responsabilità.

Altoviti

Lun, 13/04/2020 - 14:56

@MOSTARDELLIS: mi sa che Draghi ha aiutato solo i governi rossi e non abbia aiutato il paese quando serviva, cioè quando c'era l'ultimo governo democraticamente eletto, quello di Berluconi, anzi lo ha affoss

gedeone@libero.it

Lun, 13/04/2020 - 15:35

Quoto il commento di Altoviti delle 14,56.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 13/04/2020 - 15:42

X Altoviti: è bene che tu faccia un po' d'ordine nel tuo cervello, guarda che Draghi è stato mandato in Europa su input di Berlusconi ed ha preso l'incarico di presidente dell BCE il 1° novembre 2011, il governo Berlusconi ha rassegnato le dimissioni il 12 novembre 2011. Draghi, mandato in europa da Berlusconi, ha sempre aiutato l'Italia, indipendentemente dai suoi governi.

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 13/04/2020 - 16:21

FACILE DIRIGERE UN SETTORE COL VENTO IN POPPA, UN PO MENO TRA DIFFICOLTA E SCARSI MEZZI! ABBIAMO VISTO CHE FINE HAN FATTO TANTI BOCCONIANI CHE EVIDENTEMENTE AVEVANO TRATTO SOLO PROFITTO DEGLI INSEGNAMENTI SE COSI LI VOGLIAMO DEFINIRE DI QUEL MARIO MONTI CHE PER PROTEGGERE LA SUA CARRIERA E' RIUSCITO A DISTRUGGERE LA CARRIERA DI MIGLIAIA DI ITALIANAI!

Altoviti

Lun, 13/04/2020 - 16:32

@scimietta: Non aveva capito che tipo fosse, intanto Draghi avrebbe potuto fare qualcosa perché è proprio ai primi di novembre che lo spread ha toccato i massimi storici del momento e ha "aiutato" il paese solo dopo la Partenza di Berlusconi. Da allora abbiamo avuto solo governi di sinistra, perché i 5 stelle sono un volantino pubblicitario, un'operazione marketing del PD. Dunque ha aiutato solo governi di sinistra.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 13/04/2020 - 16:55

Il Corriere di cui il direttore parla è uno, ma non l'unico, dei poteri che mestano nella politica e nelle istituzioni. Fu fascista al tempo del fascismo, democristiano nel dopoguerra, comunista negli anni del terrorismo, catto comunista, giustizialista ai tempi delle mani ed oggi ancora governativo dopo avere azzerato la politica e non alcuni politici corrotti, come corrotti sono gran parte degli italiani che vi sono in gran parte costretti da una magistratura (finché c'è mafia c'è speranza!) che vigila incontrollata sul rispetto dell'oceanica e caotica normativa italica. Dunque uno che comandi davvero è una barzelletta, peggio, un'altra utopia.

Lorenzino37

Mar, 14/04/2020 - 10:54

auguriamo tutto il meglio al dr Colao di poter svolegere il suo lavoro. Nessuno dubita della sua capacita' di ottenere risultati. Intanto sarebbe interessante sapere se era alla guida di Vodafone quando venne approvata la truffa della tariffazione a 28gg, e se no, quale e' la sua posizione in merito. Troppe volte questi super-managers non sono stati bravi abbastanza ad "aumentare il valore dell'azione" (Amos Genish insegna) pur ricorrendo a questi stratagemmi tipo abbonando gli utenti a servizi a pagamento non richiesti etc ma poi se ne andavano con bonus milionari.

rokko

Mar, 14/04/2020 - 11:27

Ho conosciuto personalmente Colao. Un grande manager, con le idee chiare, competente, e tanto pragmatismo. Se non riuscirà lui ad organizzare la ripartenza, vorrà dire solo che è una battaglia persa in partenza. In bocca al lupo Vittorio, e come dice il direttore, picchia duro sui politici, che se andrai dietro le loro idee ti porteranno a perderti.

Makatea

Mar, 14/04/2020 - 12:12

Colao, un altro che dovremo pagare profumatamente

wyxwyx

Mar, 14/04/2020 - 17:17

Uèèèè c'abbiamo l'èlitte meridionale a comandare.Dopo il pugliese conte, il campano di maio non poteva mancare il calabrese colao. Altrochè le èlite nobili olandesi, tedesche, inglesi, qua in Italia siamo a livelli superiori, eterei, ossia l'èlitte meridionale, la più rigorista d'europa, nel senso che se al Nord non pagano le tasse arrivano in 5 minuti a riscuotere con magistrati,guardia di finanza, polizia, carabinieri,agenzia delle entrate,soldati,virologi tutti rigorosamente di roma e del sud. E poi come l'èlitte meridionale fa i debiti indebitando tutta l'Italia,e come vanno con il piattino in mano a bruxelles, e come sfasciano il Nord Italia bloccando le aziende e controllando la popolazione sperimentando nuove espeienze meridionali di interazione sociale 5.0: i migliori in assoluto. Ne non ci fossero li "inventassi"...