L'infettivologo: "Il coronavirus ha perso potenza"

A dirlo è l’infettivologo Matteo Bassetti dell’ospedale San Martino di Genova. I pazienti che arrivano adesso hanno una complessità molto più bassa

Secondo l’infettivologo Matteo Bassetti, per nove anni direttore della clinica di malattie infettive dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine, e da pochi mesi nuovo direttore dell’Unità operativa della clinica malattie infettive al Policlinico San Martino di Genova, il coronavirus starebbe perdendo la sua potenza. In una intervista a La Verità, Bassetti ha spiegato che si vede “una diminuzione complessiva del numero dei casi, e questo è un dato continuo, accertato e costante".

Secondo Bassetti il virus perde potenza

Inoltre i pazienti che arrivano in ospedale negli ultimi giorni presentano una complessità molto più bassa. Ossia, solo fino a quindici giorni fa, coloro che giungevano nelle strutture ospedaliere non riuscivano a respirare. Dovevano quindi uscire dal pronto soccorso già con la mascherina d’ossigeno o, nei casi peggiori con il casco o addirittura dovevano subito essere intubati. Adesso è fortunatamente difficile che si presentino in ospedale casi di questa gravità, o comunque molti meno rispetto alla prima fase dell’emergenza coronavirus.

Come sottolinea Bassetti, due possono essere le ipotesi, "da una parte si può ipotizzare che il virus, in qualche modo, abbia perso la sua forza iniziale, si stia fiaccando. Oppure evidentemente ci sono meno casi e, siccome i casi gravi sono una piccola parte, anche in ospedale ne arrivano meno. Bisogna vedere se i dati saranno confermati dal trend dei prossimi giorni, però la sensazione è che il virus abbia perso forza e quello spirito di aggressione che aveva nella metà del mese di marzo". Ancora decisamente troppo presto per fare previsioni sull’andamento delle prossime settimane.

Distanziamento sociale unica misura davvero valida

Visti gli ultimi miglioramenti, qualcuno è tornato dell’idea che il Covid-19 possa in parte avere anche un andamento stagionale. Ovvero, con la bella stagione perderebbe la sua potenza. Il caldo comunque, secondo uno studio francese, non lo ucciderebbe del tutto. Solo una temperatura superiore ai 90 gradi potrebbe annientarlo. Anche sul fatto delle vacanze al mare, Bassetti ha voluto sottolineare nei giorni scorsi che “il distanziamento sociale rimane la misura più importante da osservare. Sento parlare di 3 o 4 metri, ricordiamoci che il virus può contagiare in uno spazio molto piccolo, quando abbiamo un metro o un metro e mezzo, se proprio vogliamo per sicurezza due metri, non ci sono rischi di contagio. Quando questa distanza non si può ottenere, si devono usare le mascherine”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 24/04/2020 - 12:14

ecco,poi apri la tv e senti i l parere di qualche altro esperto che dice l'esatto contrario

bernardo47

Ven, 24/04/2020 - 12:26

sarebbe una tesi confortante.....anche se le misure vanno tenute comunque in piedi nei termini noti!

ruggerobarretti

Ven, 24/04/2020 - 12:57

Altro epidemiologo in tempi non sospetti faceva presente che piu' il virus si diffonde, piu' perde letalita'. Ovviamente in TV non poteva essere passato questo messaggio, senno' chi spaventavi. Mano a mano la tesi di questo professionista, non meno "esperto" di altri, visto che anche lui e' titolare di cattedra in un famoso ateneo, e' stata condivisa anche da altri "professori". Ne ho lette di queste previsioni, fatte anche da esperti stranieri. Quindi la cosa che dice Bassetti segue proprio quella direzione. Io da profano, aggiungerei poi che la minor gravita' della situazione, sta nel fatto che le cure un po' piu' mirate, fatte spesso con farmaci abbastanza comuni, ha prodotto effetti eccellenti.

agosvac

Ven, 24/04/2020 - 12:59

Una voce fuori dal coro: ovviamente qualche altro dirà tutto il contrario.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 24/04/2020 - 13:12

Chiediamolo a chi ha provato sulla propria pelle qual'è l'interpretazione più azzeccata

ruggerobarretti

Ven, 24/04/2020 - 13:24

bonoitalianoroma: sono sempre piu' convinto che la maggior parte non se ne e' neanche accorto.

Renadan

Ven, 24/04/2020 - 13:35

....e tu hai perso un pezzo di cervello per dire stupidate infondate. Prima di tutto dovete dirmi da cosa viene questo virus, come evitarlo e come sconfiggerlo. Ma non sapete niente all infuori di teorie da bar.

Una-mattina-mi-...

Ven, 24/04/2020 - 13:48

STANNO CERCANDO DI USCIRNE CON DIGNITA', DOPO AVER CAVALCATO L'ONDA DELL'ALLARMISMO E DELL'ARBITRIO SPROPORZIONATO...

Pigi

Ven, 24/04/2020 - 13:54

Probabilmente alcune terapie che hanno provocato più morti del coronavirus sono state aggiustate, e lo saranno sempre più. Le enormi differenze di mortalità tra paesi e regioni non sono spiegabili altrimenti e pian piano le terapie saranno migliorate, ma come dirlo alla gente, che vedrà guarire gente che prima moriva? Semplice, con il virus che ha perso potenza.

prigione_europea

Ven, 24/04/2020 - 13:54

aspetto solo che uno degli espertoni vada dietro a trump che ci ha detto di bere mastro lindo

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 24/04/2020 - 14:10

E quando avrebbe avuto questa famigerata "potenza"? A me risulta una mortalità stabilmente compresa tra 0,1% e 0,3% in base all'età e alle condizioni di salute del paziente.

Unoamareggiato

Ven, 24/04/2020 - 14:26

Le solite sortite degli esperti (sic!). Anche un bambino di fronte ai numeri potrebbe giungere alla stessa conclusione. A questo luminare vorrei porre una domanda molto semplice: considerato che il malato n. 1 di Covid-19 é stato un giovane trentenne perché continuate a volere ghettizzare gli anziani, visto che quelli deceduti sono deceduti grazie alle vostre stravaganti decisioni sanitarie nelle RSA e che quelli che non hanno patologie hanno affrontato e superato questa fase molto meglio di tanti giovani?

mau55

Ven, 24/04/2020 - 14:47

stessa ipotesi del premio Nobel del virologo francese Montagnier,che dice che il virus si esaurirá in poco tempo

Ritratto di filospinato

filospinato

Ven, 24/04/2020 - 15:33

I passerologi non sono gli studiosi dei passeri, ma coloro i quali sfilano sulle passerelle mediatiche. Dalla Collezione Autunno-Inverno a quella Primavera-Estate mi colpisce quell'impalpabile, ma vivo, tono dei bianchi.

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 24/04/2020 - 16:47

certo che Il prof Bassetti tende sempre a sminuire la pericolosità del virus. le mascherine..? assolutamente nooo.- prudenza nella vita sociale...? ma si continui a fare le stesse cose solo lavandosi le mani.- erano tempi diversi.. ma lui era già specializzato in malattie infettive.- e chi ha seguito le sue indicazioni da medico. è rimasto fregato.-

rigampi1951

Ven, 24/04/2020 - 19:03

Chi piu ne ha piu ne metta, ognuno dice tutto e il contrario di tutto, amen

ruggerobarretti

Ven, 24/04/2020 - 19:46

ateius: sei proprio sicuro di quello che dici. Io invece credo che ogni tanto dica quella mezza verita' che il REGIME non vuole si sappia. Dovevano terrorizzare il popolo, mica raccontare la verita'!!!!Quest'anno sparite le migliaia di morti per influenza e polmoniti varie che si verificavano nel corso di ogni stagione invernale. Tutto coronavirus, anche le overdose.